«Shunt» (medicina)

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3813
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

«Shunt» (medicina)

Intervento di Infarinato »

Per chi pensasse (magari proprio qualche medico) che shunt e shuntare siano intraducibili, ricordiamo che in italiano si rendono con «cortocircuito» e «cortocircuitare», rispettivamente (…l’articolo è del ’74, quando evidentemente si nutriva ancora un po’ di rispetto per la lingua di Dante :roll:).
Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1700
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Re: «Shunt» (medicina)

Intervento di Roberto Crivello »

Ma nel campo medico shunt significa [sistema di] derivazione, non cortocircuito. L'inglese di quest'ultimo è short [circuit].
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3813
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: «Shunt» (medicina)

Intervento di Infarinato »

Magari in elettrotecnica… :roll: Fonti? :P

Si veda anche il Treccani.
Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1700
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Re: «Shunt» (medicina)

Intervento di Roberto Crivello »

Ho scritto "nel campo medico". Basta fare qualche ricerca mirata in rete per rendersene conto. Del resto anche il Treccani di cui sopra dice che shunt significa derivazione, ossia percorso alternativo in parallelo. Un cortocircuito, o short se si vuole parlare inglese, è qualcosa di ben differente e ha uno specifico significato tecnico - ossia la riduzione parziale o totale della resistenza di un tratto di circuito elettrico.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10179
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: «Shunt» (medicina)

Intervento di Marco1971 »

Eppure, nella letteratura scientifica del campo medico è in uso il termine cortocircuito, amplissimamente adoperato in spagnolo.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite