«Esplicito»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G.B.
Interventi: 363
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

«Esplicito»

Intervento di G.B. »

Peccherò di purismo alla vecchia maniera, ma a me pute troppo d'inglesismo camuffato. Da [ :mrgreen: ] solo, infatti, vale l'inglese explicit, nel suo secondo significato. Per fortuna, da noi s'usa (anche) accompagnato da avverbî; ad esempio, nell'espressione: «presenti contenuti sessualmente espliciti».

Tuttavia, la maggior parte delle volte è perfettamente inutile: si potrebbe benissimo dire «contenuti volgari», «forti», «a sfondo sessuale», «di violenza» ecc., o, genericamente, «delicati», «che potrebbero urtare la sensibilità degli spettatori/ascoltatori». Sulle reti sociali, s'usa «contenuto sensibile», che traduce l'inglese «sensitive content». (Manca solo che di [sexually] graphic facciamo grafico.)

Un linguaggio esplicito, per me, sarà sempre e solo un linguaggio chiaro, non osceno, né violento.
«[...] o italici segni / rivendicarvi io seppi / nella vostra vergine gloria!» (G. D'Annunzio, Laus Vitae, vv. 7979-81).
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Google [Bot] e 1 ospite