«Assolo»

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

«Assolo»

Intervento di Federico »

Mi dicono che lo Zingarelli cartaceo ammette il plurale regolare di assolo, assoli.
L'unico a concordare sembrerebbe il DOP, stranamente; il mio Zingarelli del 1995, Treccani, Garzanti, DISC, Gabrielli in linea e ovviamente anche Gabrielli cartaceo (monovolume) lo danno invariabile.
Gli altri? Forse anche questi hanno cambiato parere, nelle ultime edizioni (quelle in linea in genere non sono aggiornate).
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10076
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Ho controllato in tutti gli altri dizionari cartacei che ho: tutti dicono «s.m. inv.», tranne il Palazzi (1986), che non specifica (e di conseguenza lo farebbe variabile). Il plurale assoli, che compariva già nella precedente edizione del DOP (1981), non appare tuttavia anomalo.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:29

Intervento di Incarcato »

Concordo: anch'io non vedo nulla d'anomalo nella forma plurale. Ovviamente, io continuerei a seguire le indicazioni dei dizionari.
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.
Fausto Raso
Interventi: 1683
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Il "Bidizionario Italiano" (linguistico e grammaticale) di Giuseppe Pittàno al lemma "assolo" (o "a solo") non riporta "inv.", il che lascia suporre che abbia il normale plurale "assoli".
È lo stesso caso di "affondo": alcuni vocabolari lo pluralizzano, altri no.
Può essere anche avverbio e ciò spiegherebbe l'invariabilità.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Grazie.
Se il DOP già nel 1981 lo considerava variabile, significa che questo è un uso non recente né in espansione ma marginale, per quanto accettabile?
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10076
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Per il DOP assoli è addirittura la forma da preferire, visto che è data per prima.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Marco1971 ha scritto:Per il DOP assoli è addirittura la forma da preferire, visto che è data per prima.
È vero, non ci avevo pensato.
Come si spiega una simile differenza fra i diversi dizionari? Scuole diverse o semplicemente dimenticanze?
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10076
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Io credo che la spiegazione sia da ricercare nel fatto che i lessicografi si sono fondati sul Dizionario Enciclopedico Italiano e sul Lessico Universale Italiano, scopiazzando piú o meno. I dizionari che hanno il coraggio delle proprie opinioni sono scomparsi: siamo nell’era delle pecore. Il DOP, nell’edizione multimediale, sembra mostrare anch’esso una tendenza antinormativa, purtroppo.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Fausto Raso
Interventi: 1683
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Marco1971 ha scritto:Il DOP, nell’edizione multimediale, sembra mostrare anch’esso una tendenza antinormativa, purtroppo.
Non solo il DOP, cortese Marco. Veda, per esempio, la "differenza" tra il Gabrielli cartaceo (due volumi) e quello in rete (riveduto e... "corretto") :oops:
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10076
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Ho anche il Gabrielli monovolume, nell’edizione 1993. ;)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3771
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

Io qui sono col DOP: assolo/assoli come affresco/affreschi, anzi di piú ;): ché a solo è voce latina (dove la preposizione a non sarebbe cogeminante: cfr. a priori, teoricamente /a pri'Ori/, ma si veda proprio il DOP): la grafia univerbata testimonia quindi la completa italianizzazione della locuzione, che non ha piú senso [né morfologico né «fonetico»] mantenere invariata.

Assoli è poi —mi pare— la variante di gran lunga piú diffusa nella lingua parlata.
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Non ha senso, certo, ma la lingua è fatta di stratificazioni; in effetti in questo caso probabilmente i tempi sono maturi per la completa normalizzazione, e un buon vocabolario dovrebbe informare sui diversi usi, colle debite considerazioni a seguito di un accurato spoglio che noi ovviamente non siamo in grado di condurre.
Resta la stranezza della discordanza fra i diversi vocabolari, i cui redattori evidentemente trovano che l'evoluzione della lingua si attesti meglio coll'aggiunta di nuovi [discutibili] lemmi, piú facili da decantare in copertina.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti