«Di tutto un po'»

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

«Di tutto un po'»

Intervento di Luca86 »

Vorrei capire se questa locuzione è l'equivalente di un po' di tutto o se invece vi sono delle differenze semantiche.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9609
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Non credo che, in assenza d’un contesto che dimostri chiaramente un’interpretazione diversa, si possa percepire una sfumatura semantica in quest’ipèrbato.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 »

Allora a che pro invertire l'ordine delle parole? Lo capirei in un testo letterario d'un certo livello in cui si volesse creare un effetto particolare, ad esempio una rima, ma non ne vedo l'utilità nel parlato quotidiano.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9609
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Credo che sia uno slogano della RAI. La pubblicità sfrutta molto le figure retoriche.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 »

Io l'ho letto/sentito anche altrove.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9609
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Sí, appunto, la televisione ha un grande potere, che non conosce chi ci lavora.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 »

Personalmente, continuerò a dire un po' di tutto, nonostante i media facciano l'opposto.

La ringrazio delle risposte, Marco.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti