«Grooming»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4178
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

«Grooming»

Intervento di Ferdinand Bardamu » gio, 22 set 2011 16:49

Faccio mio il giusto invito d'Infarinato e apro un nuovo filone per questo nuovo forestierismo – grooming – segnalato da u merlu rucà, di cui riporto l'intervento.
u merlu rucà ha scritto:Mi sembra che all'elenco possa aggiungersi grooming (non mi pare presente nell'elenco) che serve ad indicare il mantenimento dell'igiene e pulizia fra gli animali, spesso reciproco tra le specie sociali.
Il termine grooming ha allargato recentemente il suo significato, indicando la tecnica usata da molti pedofili per adescare i minori attraverso l’uso delle nuove tecnologie e conquistare la loro fiducia fino ad arrivare a chiedere un incontro faccia a faccia.
Per il primo significato non mi viene in mente altro che spulciamento reciproco. Per il secondo adescamento informatico.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4178
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » gio, 22 set 2011 16:52

Come già detto qui, per il significato dato dalla scienza etologica esiste già un traducente, ed è tolettatura.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » gio, 22 set 2011 20:13

Da un anglicismo ad un francesismo adattato e anche brutto (a mio personale giudizio). Dalla padella alla brace.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4178
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » gio, 22 set 2011 20:28

Io non vi trovo nulla di brutto, ma, a mio modestissimo avviso, il giudizio estetico dovrebb'essere del tutto escluso in tali questioni.

Non considero nemmeno valida – ma, si badi, è un'opinione personale – l'obiezione sull'origine della parola, a meno che non si voglia storcere il naso anche su albicocca (brutto arabismo?), bisogno (brutto germanismo?), cioccolato (brutto aztechismo?) e via dicendo.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » gio, 22 set 2011 20:46

Non è che la parola tolettatura sia brutta perché di origine francese. Il giudizio estetico singolo magari dovrebbe essere escluso, ma il giudizio estetico complessivo dei parlanti decreta il successo o l'insuccesso. Anche se si tratta di termini molto specializzati, ho inteso sempre grooming e mai tolettatura. Forestierismo adattato per forestierismo adattato, allora preferirei un adattamento del termine inglese, magari con grumi.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4178
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » gio, 22 set 2011 20:55

Mah, allora qui siamo sempre nel campo della preferenza personale. È indubbio che siano i parlanti a decretare il successo di un termine, ma, personalmente, dubito lo facciano solamente in base alla piacevolezza del suono.

È, però, un dato di fatto – e non un'opinione – che il Treccani e pure il Devoto-Oli registrino il lemma nell'accezione che lei ha indicato. Stando cosí le cose, mi sembra superfluo andare alla ricerca di un nuovo traducente. Credo ne convenga anche lei.

Avatara utente
Zabob
Interventi: 912
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob » ven, 03 ago 2012 20:41

u merlu rucà ha scritto:Mi sembra che all'elenco possa aggiungersi grooming (non mi pare presente nell'elenco) che serve ad indicare il mantenimento dell'igiene e pulizia fra gli animali, spesso reciproco tra le specie sociali.
Non solo: grooming è adoperato nel campo dell'equitazione nel senso di "cura dei cavalli e del loro ambiente" e groomer è chi svolge quest'attività. Per quest'ultimo un traducente ce l'avrei: "stalliere". Però, che volete, groomer è più snob, o se preferite, più chic. O, per dirla in italiano: fa più fine. :lol:

Ozioso
Interventi: 143
Iscritto in data: mar, 01 mag 2012 12:43

Intervento di Ozioso » ven, 03 ago 2012 22:28

Una possibilità sarebbe proporre la semplice definizione cura del cavallo. Altrimenti, volendo tecnicizzare, si potrebbe coniare ippocura: in fondo si tratta di termine settoriale, quindi un composto con prefissoide greco potrebbe anche esser accettato, chissà.

Per quanto riguarda l'uso figurato, a mio parere non stonerebbe il calco strigliatura, per analogia con l'operazione che si compie sui cavalli e tutte le implicazioni che essa porta.
Non pigra quies.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3634
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » ven, 03 ago 2012 23:05

Ozioso ha scritto:Altrimenti, volendo tecnicizzare, si potrebbe coniare ippocura
Orrore! :) Semmai, ippocomèsi (< κομέω «mi prendo cura» [nell’Iliade, proprio dei cavalli]). ;)

Ozioso
Interventi: 143
Iscritto in data: mar, 01 mag 2012 12:43

Intervento di Ozioso » ven, 03 ago 2012 23:15

Be', sí, decisamente meglio: l'ho buttato lí nella speranza che qualcuno indicasse il suffissoide greco proprio. Comunque è proprio vero: ippocura —a rileggerlo— fa rizzare i capelli.
Non pigra quies.

Ozioso
Interventi: 143
Iscritto in data: mar, 01 mag 2012 12:43

Intervento di Ozioso » sab, 04 ago 2012 0:51

Da quanto risulta qui —ma come anche si può riscontrare nei dizionari—, l'equivalente di palafreniere è groom, il quale gli viene sistematicamente sostituito immagino per la famigerata brevità. Da questo non si potrebbe ricavare una parola per l'attività?
Non pigra quies.

Avatara utente
Zabob
Interventi: 912
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob » sab, 04 ago 2012 1:33

Qui viene proposto "governo del cavallo" come equivalente italiano di grooming.
Quanto a palafreniere, che a mio avviso suona raro e desueto, le due definizioni date dal Treccani in linea ci dicono, la prima che è un termine del passato; la seconda, che è «chi ha cura dei cavalli da corsa», e quindi di un certo tipo di cavallo. Mentre il groom (ma spesso e prob. in modo errato gl'ippofili dicono anche groomer) si occupa di qualunque tipo di cavallo.

Ozioso
Interventi: 143
Iscritto in data: mar, 01 mag 2012 12:43

Intervento di Ozioso » sab, 04 ago 2012 2:17

Ha ragione: anche il DISC restringe l'uso ai cavalli da corsa. Intanto, però, ho scoperto che tra i significati di governo, il Treccani riporta anche quello di «cura degli animali domestici» (cfr. Treccani in linea s.v. governo, 2d), e appresso esemplifica «il g[overno]... dei cavalli». Da qui, la derivazione di governatore [dei cavalli] per groom è immediata.
Non pigra quies.

Avatara utente
Zabob
Interventi: 912
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob » sab, 04 ago 2012 10:02

Governatore è un funzionario, e fa pensare ai presidenti di regione. Qui il groom viene definito "responsabile di scuderia"... non sarebbe male a mio avviso.

Certo, un po' troppo lungo nella pratica. Immaginiamoci un dialogo al maneggio: «È pronto il mio cavallo?» «No, non ancora, il groom responsabile di scuderia sta finendo di sellarlo. Ma bisogna che impari anche tu a fare un po' di grooming governo del cavallo, in fondo lo cavalchi tu, non il groom responsabile di scuderia
Ultima modifica di Zabob in data sab, 04 ago 2012 10:14, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4178
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » sab, 04 ago 2012 10:12

Zabob ha scritto:Governatore è un funzionario, e fa pensare ai presidenti di regione.
Però i governatori (governors) sono a capo di uno stato non di una regione. In questo senso, l'uso giornalistico, benché diffusissimo, è improprio e denota il consueto filoamericanismo a ogni costo.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti