Lettere esotiche

Spazio di discussione su questioni di grafematica e ortografia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Carnby
Interventi: 3651
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Lettere esotiche

Intervento di Carnby »

Continuo da qui.
Tra le lettere esotiche più diffuse ci sono sicuramente j (considerata variante grafica di i, ma solo in alcune posizioni e con tono arcaizzante o dialettale) e x, che compare anche in alcuni idiomi locali (veneto, con valore di /z/, ligure e sardo con valore di /ʒ/ e siciliano con valore di /ʃ/). Carducci (mi pare) regolarizzò x in cs scrivendo Csanto (probabilmente per evitare fraintendimenti con Santo, la perdita di distinzione è un problema serio della naturale tendenza italiana e romanza alla semplificazione dei nessi). Del resto si dice correntemente Senofonte sebbene il nome d'origine greca avesse in origine Ξ.
L'unica lettera totalmente straniera è w, mentre esistono forme locali arcaiche con y e k (per es. Cybo, cognome aristocratico genovese, Kinzica, nobildonna pisana e quartiere cittadino, e Kalsa, quartiere palermitano dal nome d'origine araba).
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti