Kiwi

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » mer, 02 apr 2014 21:28

Carnby ha scritto:Il doppio senso nel suo intervento è voluto o no? :lol:
:oops:
E' stata un'ingenuità, non c'ho pensato e comunque non avrei potuto chiamarlo volatile... o forse avrei potuto, giacché anche lo struzzo è un volatile e neanche quello vola...:?:
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

Carnby
Interventi: 3541
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 02 apr 2014 23:08

L'atterige non è (tetrapiloctomicamente) un «volatile» perché non vola proprio: le sue ali sono vestigiali. Inoltre non è affatto peloso: sono le sue penne, strette e ispide, a dare l'impressione che sia irsuto come un orsacchiotto.

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » mer, 02 apr 2014 23:19

Grazie, gentile Carnby, non lo sapevo.
Deduco che il pipistrello può esser definito volatile pur non essendo un uccello (questa volta non ci veda doppi sensi :))
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

Carnby
Interventi: 3541
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 02 apr 2014 23:53

Scilens ha scritto:Deduco che il pipistrello può esser definito volatile pur non essendo un uccello
A rigore i chirotteri (pipistrelli e affini) sono volatili, mentre dermotteri, petauri, topi e scoiattoli volanti non possono essere definiti volatili perché incapaci di compiere un volo battuto (possono solo planare grazie a un patagio tra gli arti).

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » gio, 03 apr 2014 10:37

Interessante: neppure le galline possono essere definite volatili, a rigore.
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

fiorentino90
Interventi: 263
Iscritto in data: lun, 09 apr 2012 1:22

Intervento di fiorentino90 » gio, 03 apr 2014 12:32

Luca86 ha scritto:Anche il napoletano, che io sappia, si comporta così con le parole straniere: pullman → /pul'man/, cameraman → /camera'man/, internet → /inter'nEt/, eccetera eccetera.
Esatto e, ora che ci penso, in dialetto calabrese pronuncio anche /ka'ki/ :) Piccola nota, in italiano preferisco usare caco al singolare, anche se d'uso popolare.

Cembalaro
Interventi: 75
Iscritto in data: sab, 02 nov 2013 15:46

Intervento di Cembalaro » mer, 09 apr 2014 8:12

Luca86 ha scritto:
fiorentino90 ha scritto:...bevi si dice /m'bivi/.
Anche nel mio dialetto, il salentino settentrionale: (tui) mbivi/mbivi (tui), rispettivamente indicativo presente e imperativo del verbo mbèviri ‘bere’.
fiorentino90 ha scritto:Forse, è perché una parola straniera e i calabresi genuini tendono (credo) a leggere le parole straniere con l'accento sull'ultima sillaba.
Anche il napoletano, che io sappia, si comporta così con le parole straniere: pullman → /pul'man/, cameraman → /camera'man/, internet → /inter'nEt/, eccetera eccetera.
Solo con le parole con esito in consonante, per effetto della schwa; quindi in realtà l'accento è sulla penultima: pur'manne (l'ultimo simbolo -e- dovrebbe essere rovesciato a indicare la schwa, ma non so come si faccia).
Kiwi viceversa è pronunciato parossitono.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3622
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

[FT] «Scevà»

Intervento di Infarinato » mer, 09 apr 2014 10:05

Cembalaro ha scritto:…l'ultimo simbolo -e- dovrebbe essere rovesciato a indicare la schwa, ma non so come si faccia…
Cosí: ə. :D (Ovviamente, dipende dal sistema operativo che usa, ma alla peggio dovrebbe avere almeno accesso a una qualche «mappa/visore caratteri»; altrimenti, può sempre ricorrere alla relativa «entità HTML» decimale: ə.)

In ogni caso, in italiano, per il nome della lettera meglio l’adattamento scevà (Leopardi docet). ;)

Carnby
Interventi: 3541
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 09 apr 2014 12:27

Scilens ha scritto:Interessante: neppure le galline possono essere definite volatili, a rigore.
Qualche breve volo battuto in verità lo fanno; gli uccelli possono essere considerati tutti volatili in quanto hanno le strutture adatte per il volo battuto anche se in alcuni casi le ali sono ridotte a vestigie per l'adattamento alla vita terrestre (per esempio nei cosiddetti «uccelli corridori» o «ratiti» come lo struzzo, il nandù, il casuario, l'emù, l'atterige o kiwi ecc.).

Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 16:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 » mer, 09 apr 2014 14:23

Cembalaro ha scritto:...quindi in realtà l'accento è sulla penultima: pur'manne...
Sicché – se ho afferrato – internet e computer, per es., in napoletano si pronunciano internèttə e compiutèrrə?

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4122
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 09 apr 2014 14:27

Luca86 ha scritto:Sicché – se ho afferrato – internet e computer, per es., in napoletano si pronunciano internèttə e compiutèrrə?
Perdonatemi il fuori tema (parziale), ma mi viene in mente questo. :D

Carnby
Interventi: 3541
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: [FT] «Scevà»

Intervento di Carnby » mer, 09 apr 2014 15:05

Infarinato ha scritto:In ogni caso, in italiano, per il nome della lettera meglio l’adattamento scevà
E per i raffinatoni indoeuropeisti, šva (Szemerényi docet). :)

fiorentino90
Interventi: 263
Iscritto in data: lun, 09 apr 2012 1:22

Intervento di fiorentino90 » mer, 09 apr 2014 19:07

Luca86 ha scritto:
Cembalaro ha scritto:...quindi in realtà l'accento è sulla penultima: pur'manne...
Sicché – se ho afferrato – internet e computer, per es., in napoletano si pronunciano internèttə e compiutèrrə?
Non saprei, ma di sicuro Juventus e Autobus. Nel mio dialetto, invece, aggiungo una i che assomiglia alla a di orange.

nicodeb
Interventi: 47
Iscritto in data: lun, 26 feb 2018 22:27
Località: Milano

Intervento di nicodeb » lun, 06 ago 2018 21:16

Buonasera!

Scusate se riesumo questo filone vecchio di quattro anni, ma mi sono recentemente imbattuto in un nome alternativo per il kiwi, ovvero "melonetta", dall'inglese melonette. È interessante notare come il termine melonetta sia anteriore al nome attuale; infatti, il primo esportatore di kiwi in Europa aveva inizialmente scelto il nome melonette per poi decidere di soprannominarlo in onore del volatile simbolo della Nuova Zelanda, da cui i frutti provenivano, a causa del fatto che il commercio di meloni all'epoca comportava dazî molto alti. Immagino che il nome melonetta si riferisse alla somiglianza tra la pianta del kiwi e quella del melone.

Inoltre, ho scoperto che in lingua lombarda (non saprei dire in quale dialetto) il kiwi viene chiamato peròdegh (pronunciato /pe'rɔdek/); tuttavia non saprei derivarne l'etimologia.

Aggiungo anche che, a quanto pare, il kiwi veniva chiamato dai neozelandesi uvaspina cinese prima di diventare melonette e poi kiwifruit.

domna charola
Interventi: 1064
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » mar, 07 ago 2018 9:54

https://lmo.wikipedia.org/wiki/Per%C3%B2degh

È comunque un forestierismo. :D

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Majestic-12 [Bot] e 1 ospite