«Pacific Trash Vortex»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Carnby
Interventi: 3567
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

«Pacific Trash Vortex»

Intervento di Carnby » sab, 13 ago 2016 20:28

Un tempo questa pagina si chiamava «Isola di plastica del Pacifico» poi è stata «ritradotta» perché secondo questa fonte quella specie d'isola «si chiama Pacific Trash Vortex» (controllare l'occhiello sopra il titolo della pagina).

Avatara utente
Millermann
Interventi: 808
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Intervento di Millermann » sab, 13 ago 2016 22:34

Che assurdità! Addirittura con le iniziali maiuscole, come se si trattasse del nome ufficiale d'una "vera" isola! :roll:
Si tratta, invece, di una delle tante descrizioni (alcune piuttosto colorite) di quest'immensa massa di "spazzatura" galleggiante, che ogni paese fa nella propria lingua. Almeno tradurla in italiano, quindi!
Tra l'altro, credo che la definizione inglese piú accreditata sia GPGP (great Pacific garbage patch) o «grande chiazza d'immondizia del Pacifico».
Io conserverei la sigla, traducendo «Grande Pattumiera Galleggiante del Pacifico». :mrgreen:
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

Carnby
Interventi: 3567
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » dom, 14 ago 2016 0:49

Semmai Gran Pattume Galleggiante del Pacifico, no? Grande Pattumiera mi dà l'impressione che nel mezzo dell'oceano ci sia un contenitore di rifiuti di immani proporzioni, con la pedana (anch'essa enorme...) per aprire il coperchio. :wink:

sempervirens
Interventi: 599
Iscritto in data: gio, 23 apr 2015 15:14

Intervento di sempervirens » dom, 14 ago 2016 1:41

Sì, pattume rende bene l'idea di una massa compatta di rifiuti. Pattume plastico (del) Pacifico, con acronimo in PPP, leggasi Pipipì, potrebbe essere una delle possibili controproposte. Basta aver voglia di usare la nostra lingua. :)
Io nella mia lingua ci credo.

Avatara utente
Millermann
Interventi: 808
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Intervento di Millermann » dom, 14 ago 2016 10:42

Carnby ha scritto:Grande Pattumiera mi dà l'impressione che nel mezzo dell'oceano ci sia un contenitore di rifiuti di immani proporzioni, con la pedana (anch'essa enorme...) per aprire il coperchio.
Non è l'unica possibile accezione di pattumiera! Dal Treccani: «in usi fig., con tono spreg., luogo sporchissimo, nel quale vengono scaricati i rifiuti». ;)

Anche gran pattume va bene, ovviamente. L'avevo scartato pensando che fosse improprio accostare l'attributo grande a un nome non numerabile come pattume. Non si dovrebbe dire «gran quantità di pattume»? :?
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4171
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » dom, 14 ago 2016 11:03

Millermann ha scritto:
Carnby ha scritto:Grande Pattumiera mi dà l'impressione che nel mezzo dell'oceano ci sia un contenitore di rifiuti di immani proporzioni, con la pedana (anch'essa enorme...) per aprire il coperchio.
Non è l'unica possibile accezione di pattumiera! Dal Treccani: «in usi fig., con tono spreg., luogo sporchissimo, nel quale vengono scaricati i rifiuti». ;)
Però codesto è un uso figurato, mentre il nostro designato è pattume in senso proprio.
Millermann ha scritto:Anche gran pattume va bene, ovviamente. L'avevo scartato pensando che fosse improprio accostare l'attributo grande a un nome non numerabile come pattume. Non si dovrebbe dire «gran quantità di pattume»? :?
Non è una preoccupazione infondata: pattume è un nome di massa e non indica una quantità precisa d’immondizia. Allora forse bisogna abbandonare l’idea di ricalcare la sigla inglese. Cosí, su due piedi, creerei qualcosa come Isola Pattumiera (del Pacifico), con pattumiera usato come aggettivo derivato da pattume.

sempervirens
Interventi: 599
Iscritto in data: gio, 23 apr 2015 15:14

Intervento di sempervirens » dom, 14 ago 2016 13:28

Non c'è un aggettivo di pattume? Non so, pattumale, pattumesco, pattumeo, pattumeale, pattumico, pattumestre e cose simili? Scusate l'astrusità delle parole inventate. :)
Io nella mia lingua ci credo.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1379
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato » dom, 14 ago 2016 14:37

sempervirens ha scritto:[...]con acronimo in PPP, leggasi Pipipì
No! Leggasi Pippippì. :wink:
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

sempervirens
Interventi: 599
Iscritto in data: gio, 23 apr 2015 15:14

Intervento di sempervirens » lun, 15 ago 2016 10:22

Ha ragione! Il raddoppiamento. In rete specialmente su Youtube ci sono documentari che parlano di diverse isole galleggianti, non solo quella del Pacifico. E allora Isola di plastica del Pacifico/dell'Atlantico/del Mediterraneo/ecc., è tutto sommato espressione adatta a seconda degli oceani o mari che siano.
A proposito, esiste il verbo deplastificare. :)
Io nella mia lingua ci credo.

Carnby
Interventi: 3567
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 15 ago 2016 11:30

Bisogna che le fonti autorevoli (o presunte tali) come l'articolo di «Repubblica» comincino a usare parole italiane, eventualmente in alternativa al tanto amato lessico inglese, così da poter dire che il traducente esiste.

sempervirens
Interventi: 599
Iscritto in data: gio, 23 apr 2015 15:14

Intervento di sempervirens » mar, 16 ago 2016 0:44

Carnby ha scritto:Bisogna che le fonti autorevoli (o presunte tali) come l'articolo di «Repubblica» comincino a usare parole italiane, eventualmente in alternativa al tanto amato lessico inglese, così da poter dire che il traducente esiste.
Sì, le cose stanno più o meno come le ha descritte Lei. Farei un distinguo però, per quello che può valere: Il "tanto amato lessico inglese" lo correggerei in paninglese, o meglio ancora americano. Per come la vedo io, la stragrande maggioranza di ciò che viene definito "lessico inglese" in verità sono espressioni e parole nate principalmente negli Stati Uniti. Il discorso sembra che non c'incastri poi tanto ma se facciamo un confronto con l'italiano (che in verità è una parte ristretta del lessico di tutte le regione della penisola italiana), e il cosiddetto inglese (che è invece americano, canadese, indiano, australiano, ecc.) secondo me si pecca di superficialità e ci si rende complici della diffusione di informazioni inesatte.
Io nella mia lingua ci credo.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti