«Shop» (verbo)

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4041
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

«Shop» (verbo)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 26 set 2018 23:46

Ricevo qualche bollettino via posta elettronica di aziende che vendono abbigliamento. Pare che sia invalso ormai inserire nel testo un pulsante con un invito all’azione in inglese, shop now. Un esempio:
  • Ciao,
    sono [omissis], co-founder di [omissis].

    Le vacanze sono ormai lontanissime e il lavoro è già ripreso a pieno ritmo.

    Quale migliore occasione per acquistare [omissis], se non un'agenda fitta di riunioni?

    Fino a domenica, sia sul sito che in negozio, al 15% di sconto.
    Se non è un deal questo?

    SHOP NOW
L’affare si fa alle bancarelle del mercato, dove si comprano vestiti scrausi; qui invece ti scrive direttamente il co-founder per dirti che puoi fare un deal su clothing di qualità, che si possono shoppare now. :roll:

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1367
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » gio, 27 set 2018 9:13

Niente outfit? Allora non è top fashion. :wink:
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Carnby
Interventi: 3512
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 27 set 2018 13:02

C’è anche il «composto» photoshoppare. E forse verrà fuori anche un verbo con bookshop, dato che le librerie all’interno dei musei si chiamano ormai in questo modo, almeno da parte di direttori up to date o fashionable.

domna charola
Interventi: 1059
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » ven, 28 set 2018 17:06

C'è differenza però. Nell'esempio all'inizio, e nelle librerie dei musei, il termine è usato per indicare esattamente il negozio, cioè il suo significato.
Quando invece fotoscioppi un'immagine, stai usando un programma con un marchio depositato, che si chiama così, e non ci sono tante alternative.
Posso dire che sto manipolando/alterando/truccando etc. una foto, ma poi devo specificare con cosa, e quindi arrivo a dire "con fotosciop", anzi, peggioro la situazione perché fonotatticamente non è accettabile, mentre il verbo è un adattamento abbastanza italiano.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Bing [Bot] e 20 ospiti