Uso della virgola

Spazio di discussione su questioni di grafematica e ortografia

Moderatore: Cruscanti

patrizio
Interventi: 83
Iscritto in data: ven, 08 mag 2015 19:13

Uso della virgola

Intervento di patrizio » ven, 30 set 2016 1:42

Ho letto la seguente frase "Non è da tutti, essere per pochi" in cui reputo scorretto l'uso della virgola. Corretta la mia interpretazione? Grazie.

Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Re: Uso della virgola

Intervento di Fausto Raso » ven, 30 set 2016 11:16

patrizio ha scritto:Ho letto la seguente frase "Non è da tutti, essere per pochi" in cui reputo scorretto l'uso della virgola. Corretta la mia interpretazione? Grazie.
A mio avviso, qui, l'uso della virgola non è scorretto: segna una piccola pausa che permette di mettere in evidenza l' "essere per pochi".
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 452
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Intervento di marcocurreli » ven, 30 set 2016 12:09

Secondo me non ci vuole. Con la virgola sembra una frase monca.
"Non è da tutti" a mio avviso funziona come soggetto (almeno, ai fini della punteggiatura), e tra soggetto e verbo la virgola non ci va.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3615
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » ven, 30 set 2016 12:14

Diciamo che qui la virgola ha un valore pragmatico-pubblicitario :mrgreen:, ma è vero: a rigor di logica non ci vuole.

patrizio
Interventi: 83
Iscritto in data: ven, 08 mag 2015 19:13

Intervento di patrizio » gio, 27 lug 2017 21:09

"Come richiesto (,) invio in allegato copia del certificato"
Vorrei per cortesia sapere se l'uso della virgola nella frase proposta è facoltativo od obbligatorio. Ringrazio anticipatamente.

Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » gio, 27 lug 2017 22:34

A mio avviso è facoltativo.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9557
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » ven, 28 lug 2017 0:02

Secondo me, invece, la virgola qui è obbligatoria perché si tratta di un inciso spostabile:

Come richiesto, invio in allegato copia del certificato.

Invio in allegato, come richiesto, copia del certificato.

Invio in allegato copia del certificato, come richiesto.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

patrizio
Interventi: 83
Iscritto in data: ven, 08 mag 2015 19:13

Intervento di patrizio » ven, 04 ago 2017 1:07

Grazie per i vostri preziosi chiarimenti.
Invece prima e dopo il complemento di vocazione (Es. "Auguri(,) Matteo!" oppure: "Ciao(,) ragazzi!") la virgola è sempre obblugatoria? Grazie nuovamente.

Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » ven, 04 ago 2017 1:13

Sí, prima e dopo il vocativo la virgola è obbligatoria: amici (,) per cortesia (,) un po' d'attenzione.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

patrizio
Interventi: 83
Iscritto in data: ven, 08 mag 2015 19:13

Intervento di patrizio » dom, 19 nov 2017 23:39

"I ragazzi che giocano nel prato, sono i miei nipoti". L'uso della virgola nella frase è errato? Grazie.

domna charola
Interventi: 1060
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » lun, 20 nov 2017 13:18

Secondo me sì perché separa il soggetto (i ragazzi che giocano nel prato) dal suo verbo.
A meno che non si veda come inciso la specificazione "che giocano nel prato", dato che in effetti è una subordinata regolare; a questo punto, le virgole necessarie sono due:

"I ragazzi, che giocano nel prato, sono miei nipoti".

Come ragionamento, ha senso; a vederla scritta, però, mi sembra un'inutile complicazione.

Quindi, abbandono il gioco empirico con i mattoncini, e passo la parola agli esperti, per dirimere la questione, con le relative spiegazioni tecniche...

:roll:

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3615
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 20 nov 2017 13:49

Trattandosi di una relativa limitativa, direi che nessuna virgola è necessaria. Se l’inciso fosse molto [piú] lungo, allora, sí, le virgole dovrebbero essere due.

Avatara utente
Millermann
Interventi: 782
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Intervento di Millermann » lun, 20 nov 2017 16:44

Ferma restando la validità di quanto detto in precedenza, vi espongo anche il mio punto di vista.

Ovviamente niente virgola se la frase è vista come non marcata; in questo caso il dato noto (ciò di cui si parla) è «i ragazzi che giocano nel prato», e si vuol rispondere alla domanda: «Chi sono i ragazzi che giocano nel prato?»

La presenza della virgola rende la frase fortemente marcata; il dato noto diventa «i miei nipoti», e rispondiamo alla domanda: «Chi/quali sono i tuoi nipoti? [I ragazzi seduti sulla panchina o quelli che giocano nel prato?]»
Risposta (non marcata):
«I miei nipoti sono i ragazzi che giocano nel prato».
Risposta (marcata):
«I ragazzi che giocano nel prato, sono i miei nipoti».
In questo caso la virgola, suggerendo una pausa, può servire a spostare la focalizzazione (la [sillaba] tonica, che normalmente è in fondo all'enunciato) sulla parola «prato». Cambierebbe, cosí, la prosodia, l'intonazione dell'intera frase. :)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

domna charola
Interventi: 1060
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » mar, 21 nov 2017 9:30

Perplessa... se dovessi recitare la frase per sottolineare che proprio i ragazzi "che sono nel prato" sono i miei nipoti, metterei l'appoggiatura su "nel prato", indubbiamente, però non staccherei con alcuna pausa il verbo successivo: lì la correlazione è stretta, continua. Con una pausa invece "chiudo" la frase "i ragazzi che sono nel prato", e quindi perdo sia la correlazione sia la tensione.
La virgola non ce la sento proprio, cioè, non la aggiungerei su di un copione per annotare "come" va letto. Del resto, sotto sotto queste che sono annotazioni teatrali e non segni di punteggiatura, strisciano le vecchie regole della lingua:
i ragazzi (che sono nel prato, saltano, corrono, giocano a palla poi smettono ed escono dal prato etc. etc. tutto quello che volete) = soggetto;
sono (i nipoti della prozia di Gianmarco che aveva un gatto rosa etc. etc. come sopra) = verbo.
Il problema, nel leggere un testo di questo tipo è proprio nel legare sempre e comunque il binomio soggetto-verbo, anche a grande distanza, cioè riprenderlo, recuperare lo stretto nesso che li lega, al di là di qualsiasi possibile divagazione.

Avatara utente
lorenzos
Interventi: 250
Iscritto in data: lun, 30 mar 2015 15:59

Intervento di lorenzos » gio, 25 ott 2018 23:40

In tutta umiltà, quella di Millermann è l'opinione che condivido.
  • - Quale opinione condividi: quella di Millermann o quella di Messer Dominico?
    - Quella di Millermann, è l'opinione che condivido.
Gli Usa importano merci ed esportano parole e dollàri.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite