Avvenire, «Crusca: stop all’inglese, difendiamo l’italiano»

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Carnby
Interventi: 3512
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 23 nov 2018 1:33

Si stanno usando parole inglesi non solo per concetti nuovi o che non hanno un esatto equivalente in italiano, ma anche per parole che esistono da tantissimo tempo eppure non «suonano più bene» in italiano. Step, mission, device... non serve nemmeno sforzarsi perché le parole in questi casi ci sono e sono di uso comune.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1368
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » ven, 23 nov 2018 19:09

Ferdinand Bardamu ha scritto:Per esempio, oggi stesso mi è capitato di leggere, in un articolo di un giornale locale, «la deadline (scadenza)…» in cui non solo si usa un anglicismo al posto di una parola comune, ma l’italiano è usato per chiosare l’inglese.
Ricordo una sua segnalazione simile, in cui in gioco c'erano l'italianissimo ( :roll:) homeless e il chiaramente ostrogoto senzatetto, incomprensibile senza il provvidenziale ausilio del Verbo (chiedo scusa: del Word).
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti