«Rudeliano» o «rudelliano»

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Bruno1998
Interventi: 2
Iscritto in data: dom, 18 set 2022 13:35

«Rudeliano» o «rudelliano»

Intervento di Bruno1998 »

Buongiorno, è il mio primo intervento sul fòro e vorrei cogliere l’occasione per ringraziare anzitutto i moderatori, che mettono a disposizione di tutti gli amanti della lingua italiana uno spazio di discussione unico insieme con la loro eccezionale erudizione, e poi tutti i gentili frequentatori per la dote dell’urbanità che li caratterizza, sempre piú rara nelle perigliose acque della rete.

Il dubbio che vorrei proporre riguarda l’aggettivo derivato dal nome del trovatore provenzale Jaufre Rudel (pronuncia: /dʒauˈfre ruˈdεl/): nella bibliografia ho trovato sia la forma scempia rudeliano, sia quella geminata rudelliano e vorrei sapere qual è quella piú corretta dal punto di vista fonologico.
Ultima modifica di Bruno1998 in data dom, 18 set 2022 21:59, modificato 1 volta in totale.
valerio_vanni
Interventi: 1141
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Re: «Rudeliano o rudelliano»

Intervento di valerio_vanni »

Ho trovato qualche caso simile (terminante in /l/):

-orwelliano
-mendeliano
-hegeliano

Con le sonoranti finali il risultato è incerto.
Graffiacane
Interventi: 245
Iscritto in data: ven, 30 lug 2021 11:21

Re: «Rudeliano o rudelliano»

Intervento di Graffiacane »

Buonasera,
può anche dare un'occhiata alla citazione d'un passo scritto da Aldo Gabrielli e riportato qui.
Avatara utente
andrea scoppa
Interventi: 85
Iscritto in data: lun, 22 feb 2021 16:07
Località: morrovalle; civitanova; montecòsaro
Info contatto:

Re: «Rudeliano o rudelliano»

Intervento di andrea scoppa »

Bruno1998 ha scritto: dom, 18 set 2022 14:39 …vorrei sapere qual è quella piú corretta dal punto di vista fonologico.
Da quel punto di vista vanno bene tutt’e due. Avendo rispetto alla resa tradizionale del nome, però, è meglio «rudelliano».
È cosí piana e naturale e lontana da ogni ombra di affettazione, che i Toscani mi pare, pel pochissimo che ho potuto osservare parlando con alcuni, che favellino molto piú affettato, e i Romani senza paragone.
Avatara utente
G. M.
Interventi: 955
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: «Rudeliano o rudelliano»

Intervento di G. M. »

valerio_vanni ha scritto: dom, 18 set 2022 17:50 Ho trovato qualche caso simile (terminante in /l/):

-orwelliano
-mendeliano
-hegeliano

Con le sonoranti finali il risultato è incerto.
Più che un'incertezza, in questi pochi casi mi sembra di vedere che si sia seguita la grafia: Orwell, Mendel, Hegel.

Si può aggiungere pascaliano (ma questo potrebbe essere non rilevante come adattamento perché potrebbe aver influito l'italiano pascale, pasquale, rendendolo più un calco che un adattamento).
Bruno1998
Interventi: 2
Iscritto in data: dom, 18 set 2022 13:35

Re: «Rudeliano o rudelliano»

Intervento di Bruno1998 »

Graffiacane ha scritto: dom, 18 set 2022 18:12 può anche dare un'occhiata alla citazione d'un passo scritto da Aldo Gabrielli e riportato qui.
La ringrazio, Graffiacane.
Preciso però che il mio dubbio non riguarda l’adattamento formale o no del nome straniero, bensí il processo — interno alla lingua italiana — di derivazione dell’aggettivo a partire dal nome tramite l’aggiunta di suffisso (con cambio di classe o transcategorizzazione della parola).
La conclusione che il Gabrielli propone al riguardo nella sua «coda» non mi sembra proprio ineccepibile: nella scrittura cólta uno scrivente italiano dovrebbe scegliere le forme linguistiche in base alla propria provenienza geografica?
Graffiacane
Interventi: 245
Iscritto in data: ven, 30 lug 2021 11:21

Re: «Rudeliano o rudelliano»

Intervento di Graffiacane »

Bruno1998 ha scritto: dom, 18 set 2022 21:34 La conclusione che il Gabrielli propone al riguardo nella sua «coda» non mi sembra proprio ineccepibile: nella scrittura cólta uno scrivente italiano dovrebbe scegliere le forme linguistiche in base alla propria provenienza geografica?
In realtà, Gabrielli (che ritiene corrette entrambe le forme) intende dire che per i toscani risulta piú naturale la forma con la geminata, mentre i settentrionali privilegiano la variante con la scempia.
Personalmente, essendo l'italiano figlio del toscano, in caso d'oscillazione opterei per le forme con geminazione (diverso il discorso per le forme settentrionali ormai definitivamente affermatesi, come ad esempio barista).
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 4390
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: «Rudeliano» o «rudelliano»

Intervento di Infarinato »

Rimando a un mio vecchio intervento nel fòro dell’Accademia della Crusca gentilmente riportato da Ferdinand qui;)
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti