«Pet»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Canape lasco ctonio
Interventi: 453
Iscritto in data: lun, 10 gen 2011 23:21
Località: Roma

Re: «Pet»

Intervento di Canape lasco ctonio »

valerio_vanni ha scritto: dom, 01 gen 2023 20:38
Canape lasco ctonio ha scritto: dom, 01 gen 2023 15:01
Ferdinand Bardamu ha scritto: dom, 01 gen 2023 11:39 Credo però che, al momento, l’anglismo non sia passato alla lingua quotidiana: dubito che qualcuno dica «Vado a prendere il pet food del cane»…
Non si è sempre detto cibo per cani?
Per quanto mi riguarda, no: c'è quello per cani e quello per gatti.

Quando mai le capitasse di doverli comprare assieme potrebbe comunque dire cibo per i miei animali.
Avatara utente
Carnby
Interventi: 4447
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: «Pet»

Intervento di Carnby »

Ho notato che è in uso anche pelosetto per pet, qualora animale d’affezione paresse troppo lungo.
domna charola
Interventi: 1388
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Re: «Pet»

Intervento di domna charola »

Carnby ha scritto: lun, 23 gen 2023 14:32 Ho notato che è in uso anche pelosetto per pet, qualora animale d’affezione paresse troppo lungo.
Valido però solo per la categoria mammiferi, e forse qualche aracnide; pesci, uccelli, anfibi e rettili non sarebbero definibili tali, penso. Si potrebbe fare, per analogia, squamosetto, pennutino o cose del genere, però resta sempre il problema dell'iperonimo per tutti gli animali d'affezione.
Avatara utente
Millermann
Interventi: 1218
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Re: «Pet»

Intervento di Millermann »

Un iperonimo, in realtà, è sempre esistito ed è comunemente usato; mi chiedo come mai non sia stato ancora citato. :?

Si tratta del semplice diminutivo «animaletti». ;)
Il vocabolario Treccani ha scritto:Dim. animalétto, animalino, per indicare animali piccoli o anche, in tono vezz., animali comuni, spec. quelli domestici, come cani e gatti[.]
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini
domna charola
Interventi: 1388
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Re: «Pet»

Intervento di domna charola »

Millermann ha scritto: mer, 25 gen 2023 11:53 Un iperonimo, in realtà, è sempre esistito ed è comunemente usato; mi chiedo come mai non sia stato ancora citato. :?

Si tratta del semplice diminutivo «animaletti». ;)
Anche questo non mi sembra adatto a tutti: senza tirare in ballo animali strani, definire "animaletto" un dobermano (?) o un sanbernardo regge solo in senso ironico…
Canape lasco ctonio
Interventi: 453
Iscritto in data: lun, 10 gen 2011 23:21
Località: Roma

Re: «Pet»

Intervento di Canape lasco ctonio »

domna charola ha scritto: mer, 25 gen 2023 16:08 Anche questo non mi sembra adatto a tutti: senza tirare in ballo animali strani, definire "animaletto" un dobermano (?) o un sanbernardo regge solo in senso ironico…
Considerando che «pet» si presume venga da «petty», che nel XIV secolo stava per «small, little; minor, trifling, insignificant» e proveniva a sua volta dal francese «petit», cioè sempre piccolo, direi che è un falso problema. Inoltre i vezzeggiativi «connotano affettivamente la parola o […] conferiscono un’idea di piccolezza» ricorda De Mauro.
https://dizionario.internazionale.it/pa ... zeggiativo
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 4556
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: «Pet»

Intervento di Infarinato »

Canape lasco ctonio ha scritto: mer, 25 gen 2023 17:21 Considerando che «pet» si presume venga da «petty»…
E si presume male:
L’OED Third Edition, December 2005, s.v. «pet, n.² and adj.», ha scritto: Etymology: < Scottish Gaelic peata tame animal, now also ‘spoilt child’ (Early Irish petta, Irish peata tame animal, occasionally referring to spoilt humans), probably ultimately < an extended form (-t- extension) of the Indo-European base of classical Latin suēscere to become used to (see MANSUETE adj.).
The Scottish Gaelic and Irish noun is also used preceding a noun in the genitive to specify the kind of pet, e.g. Early Irish petta eoin a pet bird, literally ‘a pet of a bird’. This may underlie the uses as adjective in English.

Probably not related to PEAT n.²…
Canape lasco ctonio
Interventi: 453
Iscritto in data: lun, 10 gen 2011 23:21
Località: Roma

Re: «Pet»

Intervento di Canape lasco ctonio »

Infarinato ha scritto: mer, 25 gen 2023 18:56E si presume male…
Conferma che non deriverebbe da petty ma dal gaelico scozzese peata anche il Dictionary of the Older Scottish Tongue
https://www.dsl.ac.uk/entry/dost/pett_n_1
domna charola
Interventi: 1388
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Re: «Pet»

Intervento di domna charola »

Canape lasco ctonio ha scritto: mer, 25 gen 2023 17:21 [I] vezzeggiativi «connotano affettivamente la parola o […] conferiscono un’idea di piccolezza» ricorda De Mauro.
https://dizionario.internazionale.it/pa ... zeggiativo
Rimanendo sul piano del ragionamento e dei vari passaggi linguistici, sì: il discorso non fa una grinza.
Ma nell'uso corrente, istintivo del parlante medio che non ha sotto mano il De Mauro o la Treccani, "animaletto" vezzeggiativo evoca qualcosa non solo di piccole dimensioni, ma anche di carino, affettuoso - e non solo oggetto di affetto da parte del suo umano - tenero e cose del genere, tutti elementi che non si addicono a determinati tipi di animali, penso ad esempio a quelli da guardia.
D'altra parte, sino all'altro ieri il problema non si poneva neppure, perché si parlava direttamente di articoli "per animali" o al più "animali domestici", senza distinguere dal pesciolino rosso all'elefante, l'importante è che fossero appunto "conviventi" con un umano. Alla fine, il nostro termine in italiano è molto più ampio e inclusivo di qualsiasi tentativo di tradurre il termine inglese che lo sta soppiantando, e che evidentemente ha il solo merito di essere inglese, dato che per il resto non aggiunge nulla in più, anzi toglie.

https://www.google.com/search?q=articol ... e&ie=UTF-8
Canape lasco ctonio
Interventi: 453
Iscritto in data: lun, 10 gen 2011 23:21
Località: Roma

Re: «Pet»

Intervento di Canape lasco ctonio »

Certo che è più ampio e inclusivo «animale domestico», ma «pet» ha il duplice vantaggio (agli occhi e orecchi dei più) della brevità e dell’essere un anglismo. C’è anche da dire che un termine onnicomprensivo per gli animali addomesticati e domestici non è quasi mai necessario nel parlato comune, e che nella quasi totalità dei casi l’uomo della strada dirà: «Vado a comprare le scatolette e i croccantini per il cane» e mai userà: «Per il mio pet». Se poi ha anche un pitone, aggiungerà: «E i topi vivi per il mio pitone». Però la lista è fatta per contrastare ogni tipologia di abuso, quindi anche quello commerciale, e in tal caso la scelta di «animale domestico» diventa obbligata.

Attualmente abbiamo:
pet: animale [domestico], animaletto; (cane) fido
pet food: mangime, governime, cibo per animali
Alla seconda, dopo mangime e governime si potrebbe aggiungere becchime, per chi ha canarini, cocorite etc...
Avatara utente
Carnby
Interventi: 4447
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: «Pet»

Intervento di Carnby »

Comunque pet è più animale d’affezione che non animale domestico (iperonimo). Non chiamerei un toro o una vacca pet, nonostante siano in effetti animali domestici (addomesticati).
Canape lasco ctonio
Interventi: 453
Iscritto in data: lun, 10 gen 2011 23:21
Località: Roma

Re: «Pet»

Intervento di Canape lasco ctonio »

Carnby ha scritto: gio, 26 gen 2023 18:48 Comunque pet è più animale d’affezione che non animale domestico (iperonimo). Non chiamerei un toro o una vacca pet, nonostante siano in effetti animali domestici (addomesticati).
Giusta osservazione, ma allora meglio «animale da compagnia», come fa il De Mauro. Perché la ippoterapia rientra tra le pet therapy, e direi che neppure il cavallo lo si chiamerebbe animale d’affezione...

Non che sia vincolante, ma l’Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano in materia di benessere degli animali da compagnia e pet-therapy. (GU Serie Generale n.51 del 03-03-2003) definisce «animale da compagnia»:
«ogni animale tenuto, o destinato ad essere tenuto, dall'uomo, per compagnia o affezione senza fini produttivi od alimentari, compresi quelli che svolgono attività utili all'uomo, come il cane per disabili, gli animali da pet-therapy, da riabilitazione, e impiegati nella pubblicità. Gli animali selvatici non sono considerati animali da compagnia»
Mentre un Regolamento europeo dello stesso anno dettaglia: «Cani, gatti, furetti, invertebrati (escluse le api e i crostacei), pesci tropicali decorativi, anfibi, rettili, uccelli (tutte le specie tranne quelle previste da 2 direttive), roditori e conigli domestici»
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti