Discussione sui traducenti di forestierismi

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Decimo
Interventi: 435
Iscritto in data: ven, 18 ago 2006 13:45
Località: Modica

Intervento di Decimo »

arianna ha scritto:Non è nella lista, né ricordo una discussione a proposito, si tratta del francesismo collant.
E anche crêpe... Ma fortunatamente in questo caso c'è poco, anzi nulla, da discutere a riguardo: l'equivalente italiano è crespella (tranne se non si dovesse scoprire, mio malgrado, che si tratta di tipologie differenti di sfoglia... ma pare che non si presenti un tale problema).
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10433
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

E il francese crêpe deriva dal latino crispus (in francese antico cresp, donde il circonflesso, che segnala la caduta della esse). :)

Una curiosità: leggo nel DELI che l’Accademia d’Italia proponeva di sostituire questa voce con crespola, cencio, frappa... :? Meglio crespella! :D
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Marco1971 ha scritto:Una curiosità: leggo nel DELI che l’Accademia d’Italia proponeva di sostituire questa voce con crespola, cencio, frappa... :? Meglio crespella! :D
Eppure crespola non mi dispiace, e anche cencio ha una sua logica; mi sembra però che crespella sia piuttosto diffuso, e anzi mi sorprende alquanto che non sia nella lista.

In effetti quanti saranno i forestierismi di uso (relativamente) comune in italiano? Si parlava di duemilacinquecento – tremila, se non ricordo male, perciò ce ne manca quanto meno un migliaio: forse dovremmo prendere un bel dizionario di forestierismi in italiano e procedere a un'integrazione di massa...
Bue
Interventi: 864
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 11:20

Intervento di Bue »

Spero che vorrete trovare equivalenti anche per sushi, sashimi e wasabi, oltre a kebab, falafel e altri nomi di piatti etnici che stanno prendendo piede anche in Italia.

A mio parere si sta rasentando il ridicolo.
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Bue ha scritto:Spero che vorrete trovare equivalenti anche per sushi, sashimi e wasabi, oltre a kebab, falafel e altri nomi di piatti etnici che stanno prendendo piede anche in Italia.
Dunque questi piatti sono paragonabili alle crêpes?
Non conosco la storia di questo cibo: mi può illuminare?
Bue ha scritto:A mio parere si sta rasentando il ridicolo.
Eppure crespella è piuttosto diffuso.
Bue
Interventi: 864
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 11:20

Intervento di Bue »

Federico ha scritto:Non conosco la storia di questo cibo: mi può illuminare?
Ma quando mai ci si è preoccupati - in questo filone - della storia dell'oggetto indicato dalla parola da eliminare (sistematicamente, come viene proposto qualche messaggio sopra, con toni che ricordano vagamente la "soluzione finale")? L'importante è che 1) viene dall'estero 2) non rientra nel sistema fonomorfosintattico usato da Dante e Machiavelli: i quali avrebbero scritto chebabbe, e dunque così dovremmo fare anche noi.
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Bue ha scritto:Ma quando mai ci si è preoccupati - in questo filone - della storia dell'oggetto indicato dalla parola da eliminare?
Io me ne preoccupo.
Bue
Interventi: 864
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 11:20

Intervento di Bue »

Sushi e sashimi sono piatti giapponesi a base di pesce crudo, il wasabi è una salsa piccante giapponese a base di rafano. Per il kebab consiglio di dare un'occhiata qui.
I falafel sono polpettine vegetariane.

Pretendere di voler italianizzare anche i nomi dei piatti della cucina straniera mi ricorda veramente un po' troppo certe trovate ridicole del Ventennio.

Gli spagnoli, dai quali dovremmo sempre prendere esempio (aprendo le porte alla famigerata deriva zapaterista), adattano spaghetti in espaguetis , ma gugolando sui siti in lingua spagnola e cercando "receta espaguetis" e "receta spaghetti" vedo che si trovano numeri di occorrenze confrontabili. Inoltre non mi risulta che abbiano adattato "pizza", che non rientra - mi pare - nella fonomorfosintassi castigliana.
Anche loro, che credevamo puri, sono ahinoi contaminati dall'esterofilia culinaria. Dove andremo a finire...
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10433
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

L’ho già detto e lo ripeto: non c’è nulla di male nell’accogliere le parole forestiere che designano cose inesistenti in italiano, purché adattate, soprattutto quando si tratta di parole d’uso comune. L’Artusi scriveva cuscussú, tanto per fare un esempio (e esiste anche la variante cúscuso). Del pari, si potrebbe benissimo dire chebabbe o cababbo (che preferisco, dall’arabo kabab).

Quanto a pizza, non so come si pronunci in ispagnolo, ma potrebbero pronunciarlo /'piTa/ e scriverlo con una sola zeta...
fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe »

Secondo me il vero purismo è voler adoperare la forma pura straniera. Un purismo che rischia di diventare dogmatico quando giudica eretico (o peggio ridicolo) anche considerare l'idea stessa degli adattamenti nelle lingue.

Tutto questo è ancora più contraddittorio se consideriamo che spesso i termini (spacciati come d'origine) sono in realtà adattamenti inglesi.

Adattare i nomi dei piatti è normale in altre lingue. Pizza diviene spesso Pitsa e Spaghetti-> Spagetti ecc. Così è sempre stato e continua ad essere nei paesi normali. Naturalmente i parlanti scelgono il termine che preferiscono in piena libertà e le eccezioni confermano la regola.

In sintesi, proporre traducenti/adattamenti vuol dire dare al parlante la libertà di scegliere e di sviluppare la propria lingua. Ora, nel caso italiano, si è semplicemente obbligati ad usare il termine straniero perché non ne esiste uno italiano, gli adattamenti vengono quasi autocensurati.

Insomma secondo me sarebbe auspicabile una maggiore apertura di mente ed una sensibilità che valorizzi il pluralismo linguistico-culturale.
Ultima modifica di fabbe in data gio, 16 nov 2006 22:11, modificato 4 volte in totale.
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Bue ha scritto:Sushi e sashimi sono piatti giapponesi a base di pesce crudo, il wasabi è una salsa piccante giapponese a base di rafano. Per il kebab consiglio di dare un'occhiata qui.
I falafel sono polpettine vegetariane.
No, chiedevo delle crespelle, visto che la scandalizza anche questa traduzione: questi sono tutti piatti poco italiani, non mi pare che si possa mettere in dubbio.

Per questo, non me la sentirei di consigliarne la traduzione o anche solo l'adattamento, ma non c'è nemmeno motivo per impedire l'adattamento, che è pur sempre cosa normalissima, sebbene in decadenza (ma è inutile tornare su questo argomento).
Avatara utente
arianna
Interventi: 234
Iscritto in data: lun, 06 dic 2004 15:08

Intervento di arianna »

Il baby talk indica il tipo di lingua usato dagli adulti quando parlano con bambini piccoli.
Suggerimenti? :roll:
Felice chi con ali vigorose
le spalle alla noia e ai vasti affanni
che opprimono col peso la nebbiosa vita
si eleva verso campi sereni e luminosi!
___________

Arianna
Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude »

Quanto a pizza, non so come si pronunci in ispagnolo, ma potrebbero pronunciarlo /'piTa/ e scriverlo con una sola zeta...
Ho sentito /'pisa/ e /'pitsa/, quest'ultima non entra nella fonotassi spagnola.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10433
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Direi semplicemente linguaggio infantile, no?
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Marco1971 ha scritto:Direi semplicemente linguaggio infantile, no?
Infatti... Ma sicuramente si obiettierà che non è un termine altrettanto pregnante e preciso, perché tale linguaggio non è affatto infantile bensí raggiunge insospettabili vette di raffinatezza per adeguarsi al linguaggio dei bambini ecc. ecc. ecc.
Chiuso

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Majestic-12 [Bot] e 0 ospiti