Cruscle

Risorse linguistiche di varia natura

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9583
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Cruscle

Intervento di Marco1971 » ven, 26 mag 2006 17:59

Un poderoso strumento: Cruscle. Ma come si pronuncerà? /'krVsl/ (come muscle) o /'kruskle/? Io l’avrei chiamato Crúscole /'kruskole/. :lol:

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » ven, 26 mag 2006 20:30

Il progetto è stato finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri sui fondi dell'Otto per Mille.
Miracolo, dei soldi dell'8‰ affidati allo Stato che non sono andati alla Chiesa, e sono finiti addirittura alla Crusca! Si sa chi nella Presidenza del Consiglio ha potuto fare tanto?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9583
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » ven, 26 mag 2006 21:24

E chi finanzierà la numerizzazione del Battaglia? :(

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:29

Intervento di Incarcato » ven, 26 mag 2006 22:13

Certo che se ci si mette pure l'Accademia siamo proprio a posto... :shock:

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » ven, 26 mag 2006 23:03

Comunque, a proposito di cruscole, c'è anche chi chiama Google Gogolo.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9583
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » ven, 26 mag 2006 23:54

L’apporto di Cruscle, per le ricerche linguistiche, è enorme, e l’impresa merita ogni lode; ma io non capisco perché si sia ceduto, nella coniazione del nome, alla tentazione d’un’assonanza con Google, che secondo me appiattisce e banalizza.

Il Vocabolario degli Accademici della Crusca, nelle sue varie edizioni, è sempre stato, credo, un modello di purismo linguistico (e ripreciso che io non sono un purista, ma un neopurista, ossia un purista strutturale).

Si poteva fare sia Crúscole (nel senso di «io le crusco» cioè «io cerco le parole registrate nei vocabolari della Crusca»), sia Crúscale/Cruscàle (il primo come imperativo; il secondo con implicito riferimento a portàle, in senso informatico).

Ha prevalso la suggestione dell’americanese. Per un’opera riguardante la lingua italiana. Una scelta a dir poco discutibile... :roll:

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1642
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello » sab, 27 mag 2006 4:11

Marco1971 ha scritto:L’apporto di Cruscle, per le ricerche linguistiche, è enorme, e l’impresa merita ogni lode; ma io non capisco perché si sia ceduto, nella coniazione del nome, alla tentazione d’un’assonanza con Google, che secondo me appiattisce e banalizza.

Il Vocabolario degli Accademici della Crusca, nelle sue varie edizioni, è sempre stato, credo, un modello di purismo linguistico (e ripreciso che io non sono un purista, ma un neopurista, ossia un purista strutturale).

Si poteva fare sia Crúscole (nel senso di «io le crusco» cioè «io cerco le parole registrate nei vocabolari della Crusca»), sia Crúscale/Cruscàle (il primo come imperativo; il secondo con implicito riferimento a portàle, in senso informatico).

Ha prevalso la suggestione dell’americanese. Per un’opera riguardante la lingua italiana. Una scelta a dir poco discutibile... :roll:
È una scelta infelice, sono d'accordo con Marco. Ma avrete visto che il nome - marchio depositato tra l'altro, chissà se si aspettano ricadute di qualunque genere derivanti dall'assonanza con Google - è stato scelto dai realizzatori del motore di ricerca, che naturalmente sono informatici e delle questioni di lingua - neopurismo, limitazione dei forestierismi inutili ecc. - non gli importa niente. Basta guardare il sito del Media Integration and Communication Center dell'Università degli Studi di Firenze, Dipartimento Sistemi Informatici, tutto in inglese. Insomma, in Italia per quanto riguarda l'informatica l'italiano pressoché non esiste. Il Vocabolario riguarda l'italiano, ma l'intera struttura che ne rende possibile la consultazione - persone, attrezzature - ha come cardine linguistico l'inglese.

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:29

Intervento di Incarcato » sab, 27 mag 2006 10:27

Mi pare che quanto lei dice, Roberto, non spieghi perché l'Accademia abbia accettato un tal nome. Per fortuna, gli informatici non sono ancora accademici.

Sono d'accordo con Marco: di nomi migliori c'era solo l'imbarazzo della scelta.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » sab, 27 mag 2006 13:13

Incarcato ha scritto:Mi pare che quanto lei dice, Roberto, non spieghi perché l'Accademia abbia accettato un tal nome.
Ma per la consueta passività e atteggiamento supino nonché rassegnato di fronte agli anglicismi o pseudoanglicismi...

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1642
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello » sab, 27 mag 2006 17:13

Incarcato ha scritto:Mi pare che quanto lei dice, Roberto, non spieghi perché l'Accademia abbia accettato un tal nome. Per fortuna, gli informatici non sono ancora accademici.
La vedo così: i fondi vengono dal governo, il nome l'hanno scelto gli informatici - o meglio gli amministratori che gestiscono i fondi per l'informatizzazione del vocabolario - e il parere della Crusca in merito era secondario. Noto anche che uno dei curatori è Massimo Fanfani, che credo sia uno di quei linguisti che non ritengono assolutamente la lingua in pericolo a causa degli anglismi - ricordo di aver letto una sua nota sulle "periodiche geremiadi che affiorano riguardanti la scomparsa del congiuntivo e l'invasione degli anglismi".

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9583
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » sab, 27 mag 2006 17:20

La scomparsa del congiuntivo è un mito (anzi oggi s’infila il congiuntivo dappertutto, anche dove non ci sta); l’invasione degli anglicismi invece è una realtà, e chi non la vede è miope. Che questa non sia poi un pericolo per le strutture fondamentali della lingua, siamo d’accordo; è un pericolo solo per quelle fonetiche e per la perdita dell’omogeneità lessicale, che a poco a poco rende l’italiano una lingua ibrida (si pensi a cose come speakeraggio, forwardare, ecc.).
Ultima modifica di Marco1971 in data dom, 28 mag 2006 2:39, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3634
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

[NdA] Suddivisione filone

Intervento di Infarinato » sab, 27 mag 2006 19:41

La discussione sul plurilinguismo in Europa prosegue qui

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » ven, 06 ott 2006 22:15

Roberto Crivello ha scritto:La vedo così: i fondi vengono dal governo, il nome l'hanno scelto gli informatici - o meglio gli amministratori che gestiscono i fondi per l'informatizzazione del vocabolario - e il parere della Crusca in merito era secondario.
Quello che disse Roberto Crivello era sicuramente giusto: ma pare che ora i linguisti abbiano ripreso le redini; si è passati infatti a una grafica ben piú sobria, con tanto di nome e simboli dell'Accademia in bella vista, citazioni latine e immagini libresche.
Molto piú elegante (notare il pagina d'entrata).

P.s.: o fin dall'inizio il nomigliolo era confinato a questa pagina? Non ricordo...

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9583
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » ven, 06 ott 2006 23:02

E nella pagina d’entrata del sito della Crusca sono scomparsi già da tempo gli on line a favore degli in linea. :)

L’è già qualcosa. ;)

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » sab, 07 ott 2006 21:10

Marco1971 ha scritto:E nella pagina d’entrata del sito della Crusca sono scomparsi già da tempo gli on line a favore degli in linea. :)

L’è già qualcosa. ;)
Sarebbe bello sapere a chi dobbiamo questi miglioramenti: possibile che sia intervenuto qualche accademico?

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti