«Eco»

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9561
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

«Eco»

Intervento di Marco1971 » sab, 24 giu 2006 16:54

Il sostantivo eco, in italiano, è ambigenere: si può dire sia un’eco lontana sia un eco lontano (ma al plurale è sempre maschile, gli echi lontani). In latino è femminile (come, presumo, in greco, anche per il nome della ninfa), e le prime attestazioni sono femminili (nella forma antica ecco):
Ogni spiaggia
susciti un’ecco nuova, ch’a’ tuo’ accenti
risponda. (Firenzuola, 1493-1543)
Gli scrittori oscillano: sempre maschile per Foscolo e Leopardi, sempre femminile per D’Annunzio e Pirandello; Carducci è indeciso e adopra tutti e due.

Ma perché vi sto a raccontar questo? Perché è di nuovo un caso in cui l’italiano si distingue dalle altre lingue neolatine, che hanno solo l’eco maschio (francese, spagnolo, portoghese). Questa preferenza sarà dovuta alla terminazione in –o, tradizionalmente associata al maschile? Perduta s’è la ricordanza di quell’Eco che per Narciso si consumò d’amore?

Personalmente prediligo l’eco femminile, che mi suona piú elegante (mi sovviene d’un verso di Quasimodo – che cito a memoria – Si specchia un suono in amorosa eco...). Sarei interessato a conoscere le vostre preferenze.

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude » sab, 24 giu 2006 17:21

Io ho imparato eco femminile e echi maschile, allora l'ho sempre usato così, sebbene sia un po' illogico. In italiano ci sono innumerevoli sostantivi che sono maschili al singolare e femminili al plurale, non molto spesso il contrario: uovo - uova, braccio - braccia, paio - paia, ecc. Qui si tratta ovviamente di sostantivi neutri latini della seconda coniugazione. Mi sembra che cambino in femminili al plurale perché la a si sente quasi sempre come femminile. O sbaglio?

Mi piace tantissimo il plurale italiano, molto più interessante della nostra monotona s. :)

Brazilian dude

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9561
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » sab, 24 giu 2006 17:26

Brazilian dude ha scritto:Qui si tratta ovviamente di sostantivi neutri latini della seconda coniugazione. Mi sembra che cambino in femminili al plurale perché la a si sente quasi sempre come femminile. O sbaglio?
Non vedo altra spiegazione, caro Brazilian dude.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » sab, 24 giu 2006 21:10

Forse è una stupida fissazione dell'insegnamento elementare, ma mi risulta che ai bambini si inculchi per bene che eco è femminile...

Avatara utente
arianna
Interventi: 234
Iscritto in data: lun, 06 dic 2004 16:08

Intervento di arianna » sab, 24 giu 2006 21:54

Io preferisco l'eco al femminile: è giunta l'eco...non è piú "elegante" di è giunto l'eco?
Non so se sia solo una mia impressione...
Felice chi con ali vigorose
le spalle alla noia e ai vasti affanni
che opprimono col peso la nebbiosa vita
si eleva verso campi sereni e luminosi!
___________

Arianna

Bue
Interventi: 863
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:20

Intervento di Bue » sab, 24 giu 2006 22:42

Umberto Eco è maschile

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9561
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » sab, 24 giu 2006 22:53

Bue ha scritto:Umberto Eco è maschile
Sí, ma purtroppo ’un c’entra nulla...

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » dom, 25 giu 2006 11:58

Io uso solo il femminile perché nella mia fantasia è la ninfa che dà il nome al fenomeno e non viceversa. Insieme a Eco, mi vengono in mente, per esempio Amaltea, Aretusa, le naiadi, le oreadi eccetera.

In latino, echo è solo femminile e dovrebbe far parte della quarta.

Mentre in greco, esiste sia ηχος, ου, ο, (maschile) che significa suono, fragore, ma anche eco; esiste poi ηχω, ους, η, (femminile): suono, rimbombo, lamento, e questo è propriamente il nome della ninfa.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti