Autoblindo, maschile o femminile?

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » mar, 07 nov 2006 11:11

Ecco la mia proposta di « traduzione »:
Nell’ambito degli intenti miranti a conferire una nuova immagine alla direzione delle diverse unità amministrative, è stato creata una tavola rotonda interdipartimentale destinata all’osservazione, possibilmente in tempo reale, delle tendenze linguistiche piú diffuse tra gli uffici deputati alla comunicazione e i responsabili dell’approntamento dei siti internet degli enti statali.
Concepito [quindi] come gruppo con funzioni di consulenza piuttosto che come responsabile diretto dell’applicazione delle norme sull’uso non discriminatorio della lingua, il gruppo di lavoro rientra nel progetto globale denominato “Be Swiss, choose your language!”.
(Stante che io avrei riscritte anche certe parti in italiano.)

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mar, 07 nov 2006 16:49

Marco1971 ha scritto:Fu D’Annunzio, richiesto d’un parere da parte della Fiat, a risolvere la questione del genere di ‘automobile’:[...]
Tutte caratteristiche quelle descritte dal D'Annunzio che non si confanno molto all'autoblindo, bisogna dire.
Incarcato ha scritto:(Stante che io avrei riscritte anche certe parti in italiano.)
(Come ad esempio interdipartimentale, che non scherza quanto a bruttezza...)

P.s.: quanto è diffuso in italiano questo tipo di costruzione con richiesto di?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mar, 07 nov 2006 18:21

Federico ha scritto:P.s.: quanto è diffuso in italiano questo tipo di costruzione con richiesto di?
Esopo toscano (sec. XIV-XV): …e richiesto di questi cibi rispose che non era stato nutricato in tale maniera nel tempo della sua cittolezza...

Motti e facezie del Piovano Arlotto (1396-1484): tu sai che io non t’ho mai richiesto di grazia alcuna...

Il Conciliatore (1818-1819): ...i franchi non ebbero che a superare resistenze parziali, e sovente, richiesti di pace, riscossero tributi senz’avere sguainate le spade.

Fogazzaro (1842-1911): Jeanne credeva infatti che suo fratello fosse stato richiesto di un grosso mutuo...
E Google ne fornisce esempi a migliaia.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mer, 08 nov 2006 18:45

Marco1971 ha scritto:E Google ne fornisce esempi a migliaia.
Mi scusi, come ha fatto a escludere le costruzioni diverse da quella ricercata?

Dei vocabolari che ho consultato, solo il Treccani in linea la cita, come caratteristica di «usi letter. o elevati».

Giampalp
Interventi: 1
Iscritto in data: gio, 26 giu 2008 16:04

Re: Autoblindo, maschile o femminile?

Intervento di Giampalp » gio, 26 giu 2008 16:17

Vorrei dare una diversa lettura. In passato esistevano delle carrozze chiamate "vetture". Una di queste, dotata di motore, divenne una "vettura automobile". Cito un documento del 1926:

R.D. 3 aprile 1926, n. 746. Agg. G.U. 31/01/2006
Approvazione del regolamento sul servizio automobilistico
per le Amministrazioni dello Stato.
Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 maggio 1926, n. 108.
1. Le vetture automobili assegnate dalle amministrazioni dello Stato per
determinate autorità debbono essere adoperate esclusivamente per ragioni di
servizio.
Questa norma non si applica per quanto riguarda la vettura automobile assegnata a ciascun ministro e a ciascun sottosegretario di Stato, nonché a ciascun maresciallo d'Italia e al grande ammiraglio.


Non è che automobile sia femminile semplicemente perchè era femminile la vettura? Poi con l'uso si è persa la vettura ed è rimasta solo l'automobile. Però l'autoblindo non è un'automobile ma più verosimilmente un camion o altro veicolo pesante blindato, per cui normalmente è chiamato al maschile.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » gio, 26 giu 2008 19:32

Eppure è successo il contrario: in origine autoblindo era femminile, e adesso si sta spostando verso il femminile o comunque verso l'ambiguità; quindi secondo il suo ragionamento bisogna escludere ogni influenza dell'associazione col termine vettura.

D'altro canto il documento da lei citato segue di circa due mesi il verdetto di D'Annunzio.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4073
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

«Autoblinda» e «autoblindata»

Intervento di Ferdinand Bardamu » sab, 28 mar 2015 17:35

Della parola esiste anche la variante femminilizzata anche nella desinenza: autoblinda, parola normalmente declinabile al plurale come autoblinde. C’è poi la variante in cui il secondo elemento è pienamente espresso come participio passato: autoblindata.

Se autoblindo è l’abbreviazione di autoblindomitragliatrice, mi chiedo se il secondo elemento di autoblinda non possa esser considerato un participio passato senza suffisso, accorciato.

(Ho supposto che le tre parole siano sinonimi; qualora esistessero differenze, fatemelo notare.)

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3604
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 03 lug 2017 13:45

Marco1971 ha scritto:
Brazilian dude ha scritto:Mi ha sempre incuriosito perché automobile è femminile in italiano. In portoghese (automóvel) e spagnolo (automóvil) è maschile.
Fu D’Annunzio, richiesto d’un parere da parte della Fiat, a risolvere la questione del genere di ‘automobile’:
Mio caro Senatore, in questo momento ritorno dal mio campo di Desenzano, con la Sua macchina che mi sembra risolvere la questione del sesso già dibattuta. L’Automobile è feminile. Questa ha la grazia, la snellezza, la vivacità d’una seduttrice; ha, inoltre, una virtú ignota alle donne: la perfetta obbedienza. Ma, per contro, delle donne ha la disinvolta levità nel superare ogni scabrezza. Inclinata progreditur. Le stringo la mano. Il Suo Gabriele d’Annunzio. Il Vittoriale, 18 febbraio 1926.
La Fiat accolse la sentenza, e si diffuse il femminile.
Immagine
:D

Carnby
Interventi: 3520
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mar, 04 lug 2017 16:50

C’è anche chi la fa più semplice e dice che a imporre a livello popolare il femminile per automobile sia stato l’accostamento a macchina.

valerio_vanni
Interventi: 898
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » mar, 04 lug 2017 22:53

Carnby ha scritto:C’è anche chi la fa più semplice e dice che a imporre a livello popolare il femminile per automobile sia stato l’accostamento a macchina.
La cosa mi pare plausibile, il termine macchina è un attrattore molto forte.

Qualche volta, però, leggo o sento il maschile (cosa che mi suona malissimo). Lì faccio fatica a capire quale sia il termine sottinteso: il veicolo, forse?

Carnby
Interventi: 3520
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mar, 04 lug 2017 23:13

valerio_vanni ha scritto:Qualche volta, però, leggo o sento il maschile (cosa che mi suona malissimo). Lì faccio fatica a capire quale sia il termine sottinteso: il veicolo, forse?
Io ho sentito dire il Mercedes, il Ferrari ecc. mai l’automobile nuovo, anche perché automobile non è termine popolare (semmai atumobile, ma non si sente più). Credo che sia dovuta a una tendenza toscana a usare il maschile come termine neutro, non marcato (comune per i marchi di fabbrica; altrove era più comune il femminile) e forse anche a una certa esaltazione di virilità come strumento per far emergere le proprie pulsioni di dominazione maschile.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » mer, 05 lug 2017 10:09

Carnby ha scritto:[...] e forse anche a una certa esaltazione di virilità come strumento per far emergere le proprie pulsioni di dominazione maschile.
Uh, la peppa! :lol:
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

domna charola
Interventi: 1059
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » mar, 11 lug 2017 12:26

Carnby ha scritto:Io ho sentito dire il Mercedes, il Ferrari ecc. mai l’automobile nuovo, anche perché automobile non è termine popolare (semmai atumobile, ma non si sente più). Credo che sia dovuta a una tendenza toscana a usare il maschile come termine neutro, non marcato (comune per i marchi di fabbrica; altrove era più comune il femminile) e forse anche a una certa esaltazione di virilità come strumento per far emergere le proprie pulsioni di dominazione maschile.
Io ho sempre detto "la Fiat, la Panda, la Ford, la Focus", e le mie auto hanno sempre avuto un nome femminile (Ermengarda, Teodelinda), poi, quest'ultimo che ho preso è invece "il Ford" e si chiama Agilulfo.
Appena ho fatto un giro, e ha iniziato a gracchiare: "scala la marcia, alza la marcia, inserisci questo, fai quest'altro...", ho capito che era maschio!!!...

Chiedo venia per l'intervento vacuo, però segue lo stesso "metodo grammaticale" del grande D'Annunzio. :lol:

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite