L’italiano non è piú una lingua

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Chiuso
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9608
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

L’italiano non è piú una lingua

Intervento di Marco1971 »

Arrivederci. Svegliatevi. Volete dire “mi dai un glass di vodka” o volete dire “...”? Forse l’alternativa non c’è. In realtà mi incuriosice questa cosa. Non ho una risposta. Ho un suggerimento: provate a usare tutte le parole inglesi che conoscete al massimo per produrre enunciati normali. Normali, naturalmente, secondo il vento che tira. Ma normale è sempre quel che ci intossica.

A presto!
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4207
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Te ne vai? :o

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9608
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Quando men vo... :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Modna
Interventi: 205
Iscritto in data: lun, 22 ago 2011 20:09

Intervento di Modna »

Cosa è successo? :(

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9608
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Nulla, nulla... Scusate lo sfogo...
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Daniele
Interventi: 247
Iscritto in data: sab, 15 dic 2007 23:18

Re: L’italiano non è piú una lingua

Intervento di Daniele »

Marco1971 ha scritto:Arrivederci. Svegliatevi.
Posso dirlo? Non ho capito una mazza. :roll: :? :)

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9608
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

È uno stile un po’ ellittico. Intendevo Arrivederci, cara lingua italiana. E svegliatevi era riferito agli italiani, nel senso di aprite gli occhi, guardate che disastro.

Esplicitando avrei perso l’effetto che volevo sortire. :D
Ultima modifica di Marco1971 in data ven, 02 set 2011 19:10, modificato 1 volta in totale.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Daniele
Interventi: 247
Iscritto in data: sab, 15 dic 2007 23:18

Intervento di Daniele »

Ah, grazie. E il seguito? Non mi dirà che ha sentito o letto mi dai un glass di vodka, spero! :shock:

Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 »

Marco1971 ha scritto:Esplicitando avrei perso l’effetto che volevo sortire. :D
Cioè la riflessione [linguistica], giusto?

Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 »

Daniele ha scritto:Ah, grazie. E il seguito? Non mi dirà che ha sentito o letto mi dai un glass di vodka, spero! :shock:
Guardi qui. L'alternativa a glass è shot/shottino.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9608
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Luca86 ha scritto:Cioè la riflessione [linguistica], giusto?
Sí, certo, interpellando il lettore. :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine »

Temo che questi interventi contino poco per smuovere le coscienze: chi già frequenta assiduamente il sito, le condivide da tempo; chi invece ci transita per caso, difficilmente capirà.

Io ritengo che per far cambiare qualcosa, debba essere innanzitutto la Crusca a prendere l'iniziativa: proporre una lista ufficiale di traducenti, fare un appello accorato a traduttori, dialoghisti e giornalisti affinché usino maggiormente l'italiano (non si pretende che usino l'italiano correttamente, ma che almeno lo usino :lol:). Da quanto ho avuto modo di capire, in questa piazza ci sono anche dei professori universitari, nessuno ha contatti con qualche membro della Crusca per sollecitare un qualche intervento concreto, invece di richieste di fondi per non si sa bene quali scopi?
L'ultimo passo - ma certamente il più difficile - sarebbe quello di far pressione sul Ministero affinché adotti l'obbligo d'uso dei traducenti nella comunicazione interna ed esterna della Pubblica amministrazione (in Francia non hanno forse recentemente vietato l'uso di e-mail nella loro comunicazione istituzionale?).

Fausto Raso
Interventi: 1679
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Gentile PersOnLine, condivido totalmente quanto da lei scritto. Per attuare ciò che lei propugna ci vuole CORAGGIO, che manca a chi dovrebbe averlo :?
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9608
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

PersOnLine ha scritto:Io ritengo che per far cambiare qualcosa, debba essere innanzitutto la Crusca a prendere l'iniziativa...
Già fatto tutto. Sono stato in contatto con Luca Serianni, Francesco Sabatini, Ornella Castellani Pollidori. L’ho già detto, la Crusca non è l’Académie française: ogni accademico ha il proprio punto di vista, non vi sono decisioni comuni, ognuno si esprime a nome proprio.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Fausto Raso
Interventi: 1679
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Marco 1971 ha scritto: L’ho già detto, la Crusca non è l’Académie française: ogni accademico ha il proprio punto di vista, non vi sono decisioni comuni, ognuno si esprime a nome proprio.
È proprio questo, il punto. Ogni accademico "cammina" da solo, a discapito della lingua. :(
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Chiuso

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite