«Gèi»

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4066
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 25 mag 2016 19:58

Sixie ha scritto:Sì, io, come altri, parlo ancora una lingua antiq. e reg.. :D
Mi tolga però un paio di curiosità: lei ha sempre detto be, ce e ve in dialetto, o è un suo modo idiolettale, magari dovuto a un recupero consapevole (quindi non spontaneo) della lingua piú pura? E chi le sta intorno, anche i giovani, usa queste forme invece di adottare quelle italiane?

Avatara utente
Sixie
Interventi: 316
Iscritto in data: lun, 18 mag 2015 19:18
Località: Polesine

Intervento di Sixie » mer, 25 mag 2016 20:39

La seconda che ha detto, caro Ferdinand. :D
Sì, ho dovuto prendere una laurea in LS per poter tornare alla purezza della lingua e no, nessuno dei giovani (e meno giovani) usa queste forme, almeno nell'ambiente scolastico. Ma, per fortuna, non c'è solo la scuola: qualche veciòto con cui scambiare forme "antiquate e regionali" lo si trova, ancora.
We see things not as they are, but as we are. L. Rosten
Vediamo le cose non come sono, ma come siamo.

valerio_vanni
Interventi: 895
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » mer, 25 mag 2016 23:55

Millermann ha scritto: Però ho l'impressione che molti, oggi, pronuncino /vu/ la doppia vu e /vi/ la vu: lo si fa praticamente sempre, nelle sigle «www» e «WWF»!
Io /vi/ non l'ho mai usato, ma ho un problema: quando leggo dei codici sottovoce o semi-sottovoce (mentalmente) uso /vu/ per entrambi.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 25 mag 2016 23:57

Millermann ha scritto:Perché è una fricativa, immagino. Giusto?
Più precisamente una continua. Fricative, nasali, laterali e vibranti hanno tutte la forma e--e (tranne v).
Millermann ha scritto:Però in latino il nome della lettera V (vau) è differente da quello delle altre fricative, essendo questa usata anche per indicare il suono vocalico /u/.
In latino «vero» si diceva solo u; non credo che vau (di origine semitica) sia stato usato prima del Medioevo o più tardi ancora.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » sab, 18 giu 2016 15:50

Carnby ha scritto:Non c'entra l'inglese, ma va segnalata anche l'erronea pronuncia cheghebé per KGB, invece del corretto cappagibbì (all'italiana).
Come ho sempre detto io. E proprio ieri ho rivisto Gorky Park: all'epoca (1983) il doppiaggio corrente era proprio cappagi[b]bì.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude » sab, 09 lug 2016 16:50

Due giorni fa sentii all'aeroporto di Monaco di Baviera un italiano dire che dovevano andare al gheit chei (K). È comune questa designazione?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3602
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » sab, 09 lug 2016 17:12

Spero proprio di no! :shock:

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 09 lug 2016 23:51

Se non altro è tutto in inglese, forse gheit cappa è peggio.

sempervirens
Interventi: 599
Iscritto in data: gio, 23 apr 2015 15:14

Intervento di sempervirens » dom, 10 lug 2016 1:47

La forma grafica della nostra lettera i lunga ma pronunciata all'inglese è sempre gèi? Oppure qualcuno ha avuto l'idea di cominciare a scrivere jéi?
Faccio questa domanda perché mi immagino che uno che pronuncia la lettera cappa con la pronuncia kéi, con la grafia kéi anziché chéi, abbia le stesse probabilità di trascrivere la lettera J con jéi.
Io nella mia lingua ci credo.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » dom, 10 lug 2016 11:34

sempervirens ha scritto:La forma grafica della nostra lettera i lunga ma pronunciata all'inglese è sempre gèi? Oppure qualcuno ha avuto l'idea di cominciare a scrivere jéi?
Penso che chi ha incominciato a usare géi per j non si sia neppure posto il problema. Però ho trovato hacca per acca, kappa per cappa, qu per cu, ix per ics, ypsilon per ipsilon. Forse abbiamo trovato un'altra regola fantasma: il nome di una lettera deve contenere la lettera stessa al suo interno.

sempervirens
Interventi: 599
Iscritto in data: gio, 23 apr 2015 15:14

Intervento di sempervirens » dom, 10 lug 2016 17:24

Scherza? :) Se lo immagina che problemi potrebbe dare il leggere ed il comprendere doppia wu invece dell'attuale 'doppia vu'? A parte la lettura e la pronuncia che varia da persona a persona ma la grafia darebbe da pensare. Doppia wu = ww.

Da non esperto direi che l'idea della regola fantasma sia subito da scartare in partenza.
Io nella mia lingua ci credo.

Avatara utente
GFR
Interventi: 299
Iscritto in data: ven, 10 ott 2014 21:39

Intervento di GFR » lun, 21 nov 2016 11:43

Insegnano la lettera gei alle elementari (italiane); è stata una sorpresa anche per me la perdita della i lunga.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 21 nov 2016 21:24

GFR ha scritto:Insegnano la lettera gei alle elementari (italiane)
Questo dimostra che la Crusca deve tornare quello per cui è nata: prescrivere (e non descrivere) l’uso e proscrivere il cattivo uso.

Avatara utente
GFR
Interventi: 299
Iscritto in data: ven, 10 ott 2014 21:39

Intervento di GFR » mer, 23 nov 2016 12:52

Ho visto che per gli “addetti ai lavori” la “gei” è una questione vecchia.

http://forum.accademiadellacrusca.it/fo ... shtml.html

Per quanto riguarda l’Accademia della Crusca, mi pare che sia un’autorità culturale e si comporti di conseguenza. Troppo blandamente per lei? Non so, (inoltre siamo fuori del tema qui trattato).

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 23 nov 2016 18:18

GFR ha scritto:Ho visto che per gli “addetti ai lavori” la “gei” è una questione vecchia.
Non proprio: quello è il foro dell'Accademia, chiuso ormai da molti anni, e si tratta di pareri di utenti del foro stesso, non di consulenze di membri dell’Accademia.
GFR ha scritto:Per quanto riguarda l’Accademia della Crusca, mi pare che sia un’autorità culturale e si comporti di conseguenza. Troppo blandamente per lei?
Per molti anni l’Accademia non ha praticamente emesso nessuna proposta sostitutiva di forestierismi, col risultato che l’anglomania in Italia si è trovata la porta spalancata. Ha ragione, non è questo il momento di fare polemiche inutili; dato però che si parla e si scrive pur sempre di proposte di sostituzioni di forestierismi, il fatto che l’Accademia non abbia speso neppure una parola sul fatto che una lettera usata un tempo nella lingua italiana (e ancor oggi, seppur in modo sporadico, soprattutto in nomi propri e toponimi) abbia oggi un nome non italiano, è una cosa che quantomeno fa riflettere.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Bing [Bot] e 1 ospite