«Facepalm»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine » sab, 04 ago 2012 14:08

Infarinato ha scritto:…e il peggio formato [secondo le regole di composizione canoniche dell’italiano]. :?
Questo io non ho certamente le competenze per poterlo dire, consideri però che stiamo sempre parlando calchi; e in tutti i modo un accostamento come facciamano già mi urterebbe di meno.

Carnby
Interventi: 3541
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 04 ago 2012 14:47

A me sembra strano che non ci sia un'espressione popolare già in uso da qualche parte per un gesto che non mi pare così raro ed estraneo alla cultura italiana.

Ozioso
Interventi: 143
Iscritto in data: mar, 01 mag 2012 12:43

Intervento di Ozioso » sab, 04 ago 2012 15:29

Capisco. Pare dunque troppo esiguo l'uso perché si possa sorvolare sull'irregolare formazione? Vi sottopongo allora palminfaccia.
Non pigra quies.

domna charola
Interventi: 1064
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » lun, 06 ago 2012 11:35

Carnby ha scritto:A me sembra strano che non ci sia un'espressione popolare già in uso da qualche parte per un gesto che non mi pare così raro ed estraneo alla cultura italiana.
E' quello che continuo a chiedermi anch'io. Non è un termine tecnico reso necessario dalla precisione di una qualche disciplina.
Indica un gesto corrente, comune, di cui in genere parlo nel narrare qualcosa... è proprio necessario il neologismo sintetico?
Se sto raccontando, viene spontaneo esplicitare il gesto ("portò la mano al volto, esclamando..."), magari con tutte le varie sfumature che si possono dare al movimento. Non mi verrebbe mai da dire"si facciapalmò, esclamando..."
Perché dobbiamo farci del male così? Tanto, per gli sms esiste il simbolo della faccina... ma quando parlo o scrivo in italiano, preferirei usarlo secondo le sue strutture e i suoi costrutti (a questo punto anche "stringere la mano" o "agitare la mano in segno di saluto" o altri gesti del genere dovrebbero avere un termine "tecnico"... però non so se sia un arricchimento della lingua)

PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine » lun, 06 ago 2012 13:03

A rendere necessario il neologismo non è tanto la diffusione del gesto, quanto quella del forestierismo.

domna charola
Interventi: 1064
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » lun, 06 ago 2012 14:39

Sì, lo immaginavo...
continuo a non riuscire ad immaginare chi possa usarlo... cioè, se arrivo ad usare il termine inglese in assenza di discorso tecnico con le relative presunte necessità (di precisione, di sintesi, di comprensione universale), in un parlare colloquiale o narrativo, allora vuol dire che non ho proprio voglia di impegnare il neurone a pensare in italiano, vuolsi esteso o sintetico o mediante neologismi. Secondo me si è in presenza del classico "caso incurabile"... (meglio abbatterlo, direbbe un groomer :twisted: )

Ozioso
Interventi: 143
Iscritto in data: mar, 01 mag 2012 12:43

Intervento di Ozioso » lun, 06 ago 2012 14:44

domna charola ha scritto:
Carnby ha scritto:A me sembra strano che non ci sia un'espressione popolare già in uso da qualche parte per un gesto che non mi pare così raro ed estraneo alla cultura italiana.
E' quello che continuo a chiedermi anch'io. Non è un termine tecnico reso necessario dalla precisione di una qualche disciplina.
Indica un gesto corrente, comune, di cui in genere parlo nel narrare qualcosa... è proprio necessario il neologismo sintetico?
Posso darle ragione sulla poca utilità del verbo, però —secondo me— un sostituto sintetico per facepalm è necessario. Non che debba essere per forza un neologismo, però se non ci sono termini esistenti se ne conia uno nuovo, no?
Non pigra quies.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3622
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 06 ago 2012 14:53

Ma mano sul viso, no, eh? Sennò, bisognerà cominciare a chiedere agli anglofoni di coniare termini sintetici per nuora e genero:roll:

Ozioso
Interventi: 143
Iscritto in data: mar, 01 mag 2012 12:43

Intervento di Ozioso » lun, 06 ago 2012 15:15

Non so che dire... se lo si trova adeguato, allora che si vada per mano sul viso.
Non pigra quies.

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1636
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello » sab, 17 feb 2018 7:49

Infarinato ha scritto:Ma mano sul viso, no, eh? Sennò, bisognerà cominciare a chiedere agli anglofoni di coniare termini sintetici per nuora e genero… :roll:
Ho letto velocemente questo filone (che chissà perché mi era sfuggito sei anni fa) dopo avere visto che Ferdinand ha chiuso l'altro recentissimo, e mi ha confortato vedere dopo quattro pagine di discussione su come usare tutte le possibili derivazioni di palma (perché se in in inglese si usa palm in italiano bisogna usare palma, giusto?), che Infarinato abbia usato il buon senso concordando diacronicamente con me sul fatto che basta servirsi del banalissimo, collaudatissimo, validissimo e (il che non guasta) idiomatico [portarsi la] mano sul viso.
Ultima modifica di Roberto Crivello in data sab, 17 feb 2018 19:35, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4122
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » sab, 17 feb 2018 12:51

A questo punto della discussione, mi sembra opportuno segnalare l’uso che si fa di facepalm in italiano. Qui c’è un’interessante analisi. Stando ad essa, nei fòri e nei servizi di messaggistica facepalm è usato in funzione olofrastica, quasi come una «faccina scritta».

Benché io sostenga sempre il traducente piú banale, collaudato e idiomatico (per usare le parole di Roberto), credo che in questo caso la brevità giochi a favore del forestierismo, nei contesti in cui esso vieno impiegato. È molto difficile scalzarlo, se non adoperando traducenti sintetici. E tra questi, quelli intenzionalmente strampalati e «brutti» — come facciapalmo — potrebbero avere piú possibilità di successo, a mio avviso. (Appalmarsi continua a piacermi, ma è forse troppo elegante per la comunicazione rozza e immediata di certe bacheche di discussione). :roll:

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3622
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » sab, 17 feb 2018 14:21

Ferdinand Bardamu ha scritto:A questo punto della discussione, mi sembra opportuno segnalare l’uso che si fa di facepalm in italiano. Qui c’è un’interessante analisi. Stando ad essa, nei fòri e nei servizi di messaggistica facepalm è usato in funzione olofrastica, quasi come una «faccina scritta».
Ma allora, caro Ferdinand, basterebbe un semplice mano-sul-viso (da non confondersi con mani-sul-viso, che è un’altra cosa :mrgreen:) oppure, molto piú italianamente, perlomeno per la stragrande maggioranza di questi casi, (senza parole). ;)

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4122
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » sab, 17 feb 2018 18:31

Sí, sono pienamente d’accordo.

Non ci avevo pensato, in effetti: calare l’anglicismo nel suo contesto aiuta a trovare il miglior traducente. (Senza parole) è una soluzione ancor piú idiomatica, la migliore di tutte, se i frequentatori di quegli spazi di discussione volessero usare un’espressione italiana.

Per indicare il gesto in sé, [portarsi la mano] sul viso rimane la traduzione piú semplice.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite