Indennità di o da?

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Andrea D'Emilio
Interventi: 132
Iscritto in data: sab, 14 mar 2009 16:40
Località: Pescara

Indennità di o da?

Intervento di Andrea D'Emilio » dom, 19 apr 2009 23:41

Di solito si scrive ''indennità di trasferta'' e simili, ma trattandosi di complementi di limitazione ( o mi sbaglio?), non si potrebbe usare anche il ''da''?
E nel caso di ''indennità di ottocento euro''? è un complemento di stima, giusto?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9564
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Indennità di o da?

Intervento di Marco1971 » lun, 20 apr 2009 0:14

Andrea D'Emilio ha scritto:Di solito si scrive ''indennità di trasferta'' e simili, ma trattandosi di complementi di limitazione ( o mi sbaglio?), non si potrebbe usare anche il ''da''?
Potrei sbagliare, ma io ci vedrei un complemento di specificazione, quindi con la preposizione di (d’altra parte, nel GRADIT, tutte le polirematiche con indennità hanno di.)
Andrea D'Emilio ha scritto:E nel caso di ''indennità di ottocento euro''? è un complemento di stima, giusto?
Per me sarebbe un complemento di prezzo.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » lun, 20 apr 2009 0:26

Anche il Treccani in linea riporta "indennità di".
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Andrea D'Emilio
Interventi: 132
Iscritto in data: sab, 14 mar 2009 16:40
Località: Pescara

Intervento di Andrea D'Emilio » lun, 20 apr 2009 0:40

Senz'altro, la preposizione ''di'' è quella usata canonicamente (avevo pensato anch'io al complemento di specificazione, optime Marce).
Il dubbio mi resta sull' espressione ''indennità di ottocento euro''. Ma il complemento di prezzo non indica, appunto, il prezzo, il costo di qualcosa? In questo caso è indicato il valore, quindi complemento di valore o stima.
(Lungi da me impancarmi a giudice o montare in bigoncia -sebbene excusatio non petita...-: cerco soltanto di capire meglio. E in tutti i casi, cedo maiori).

Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » lun, 20 apr 2009 0:47

Andrea D'Emilio ha scritto:Senz'altro, la preposizione ''di'' è quella usata canonicamente.
Il dubbio mi resta sull' espressione ''indennità di ottocento euro''.
Provi a sostituire "indennità" con "compenso", "risarcimento" e simili: il dubbio svanirà.
Carlo ha ottenuto un risarcimento (un'indennità) "di" 800 euro. :wink:
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9564
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » lun, 20 apr 2009 1:22

E nella grammatica di Luca Serianni (VIII.16):

– prezzo: «uno sconto di cinquantamila lire», «il costo è di due milioni».

I sostantivi che pertengono alla sfera del denaro (costo, sconto, indennità, compenso, ecc.) richiedono di.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Andrea D'Emilio
Interventi: 132
Iscritto in data: sab, 14 mar 2009 16:40
Località: Pescara

Intervento di Andrea D'Emilio » lun, 20 apr 2009 1:30

Daccordo, grazie. Ma come giustificare questa regola?

Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » lun, 20 apr 2009 1:34

Andrea D'Emilio ha scritto:Daccordo, grazie. Ma come giustificare questa regola?
Non me ne voglia, cortese Andrea: D'accordo (con l'apostrofo).
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Andrea D'Emilio
Interventi: 132
Iscritto in data: sab, 14 mar 2009 16:40
Località: Pescara

Intervento di Andrea D'Emilio » lun, 20 apr 2009 1:40

Ha ragione, d'accordo (chissà perché ero convinto che si potesse dire daccordo!). Mi corregga pure senza pietà.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9564
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » lun, 20 apr 2009 1:49

Quando si dice, per esempio, un giocattolo da poco o un’automobile da 30.000 euro, il da significa «che vale/ha il valore di». Si potrebbe applicare lo stesso ragionamento coi sostantivi riferentisi al denaro, ma lí, credo, si tratta di specificazione, visto che il concetto di «valore monetario» è già indicato dalla semantica. E alla fine, ricordiamoci che l’uso non è sempre logico e la lingua mai incastrabile entro schemi troppo rigidi. :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Andrea D'Emilio
Interventi: 132
Iscritto in data: sab, 14 mar 2009 16:40
Località: Pescara

Intervento di Andrea D'Emilio » lun, 20 apr 2009 1:56

Grazie Marco, lei è sempre prodigo di spiegazioni. Ma forse stanotte semplicemente non voglio proprio aver torto! A morte la vanità.

Gianluca
Interventi: 128
Iscritto in data: sab, 25 ago 2007 18:34

Intervento di Gianluca » ven, 08 mag 2009 15:34

Fausto Raso ha scritto:Provi a sostituire "indennità" con "compenso", "risarcimento" e simili: il dubbio svanirà.
Carlo ha ottenuto un risarcimento (un'indennità) "di" 800 euro. :wink:
Mi permetto di segnalare una piccola differenza semantica fra risarcimento e indennizzo.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Re: Indennità di o da?

Intervento di Federico » ven, 05 giu 2009 21:17

Andrea D'Emilio ha scritto:Di solito si scrive ''indennità di trasferta'' e simili, ma trattandosi di complementi di limitazione ( o mi sbaglio?), non si potrebbe usare anche il ''da''?
Sí, qualora si intenda l'essere indenne da qualcosa, ma non è certo l'accezione piú comune (il Treccani la definisce letter. ant.).

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti