Poesia napoletana

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Intervieni
Avatara utente
ebbrofiore
Interventi: 26
Iscritto in data: lun, 14 mag 2012 14:13

Poesia napoletana

Intervento di ebbrofiore » mer, 27 giu 2012 15:38

Buona giornata a tutti. Debbo dire che non sono del tutto sicuro tale questione sia da aprire in questa sezione ma, nell'incertezza, opto per la suddetta.

Poiché non trovo alcun riscontro sul web, vorrei che qualcuno mi desse una delucidazione sullo schema metrico della poesia dialettale. E' esso inesistente o semplicemente inapplicabile ai canoni di quello italiano?
Ad esempio, se io scrivessi un verso del genere:

Pe'mme l'ammor'è bell' ("Per me l'amore è bello" per i non dialettofoni)

Tenendo conto di alcuni fenomeni onnipresenti della lingua napoletana (come le elisioni e i troncamenti) un tal verso sarebbe ugualmente da considerare un settenario? (pe/mmè/l'a/mmò/re^è/ bbè/llo).

I problemi cui vado incontro, dunque, sono due:
1) Le elisioni e i troncamenti (dovute alla pronuncia) valgono ugualmente nel conteggio delle sillabe? Ad esempio: P'cché (scritto anche "Pecché" ma pronunciato esclusivamente "p'cché", uocchie (pronunciato uokkj), aggio (pronunciato agg', col fonema della g tenue) ecc.. vengono contati come bisillabi? L'interruzione vocale (ad esempio il p'cché) è sinonimo di scansione sillabica?

2) Lo schema metrico tipicamente italiano del settenario, o anche dell'endecasillabo, è applicabile (tenendo conto di tutti i fenomeni fonetici) alla lingua napoletana (o a qualsiasi altro dialetto)?
Ultima modifica di ebbrofiore in data mer, 27 giu 2012 15:40, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
ebbrofiore
Interventi: 26
Iscritto in data: lun, 14 mag 2012 14:13

Intervento di ebbrofiore » mer, 27 giu 2012 15:38

Nel caso in cui sia stato un po' troppo criptico nella mia spiegazione, sarei lieto mi faceste delle domande. E' una questione che mi pongo da molto tempo.

Carnby
Interventi: 3540
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: Poesia napoletana

Intervento di Carnby » mer, 27 giu 2012 16:11

ebbrofiore ha scritto:Pe'mme l'ammor'è bell'
A mio avviso la caduta finale della vocale finale nei dialetti centromeridionali non è (quasi) mai assoluta, essa rimane presente e ha rilevanza metrica anche se è una scevà [ə] indebolita e desonorizzata. In Italia gli unici dialetti che hanno una regolare e sistematica uscita consonantica sono quelli settentrionali (ci sono eccezioni quali il lucchese rustico e forse alcuni dialetti lucani «estremi», mentre in Sardegna si ha il più delle volte la vocale «eco» sas buccas [saz'buk:az:a]), anche se in non pochi di questi sono ammesse in posizione finale solo le sonanti /m, n, r, l/ .
Ultima modifica di Carnby in data mer, 27 giu 2012 19:31, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
ebbrofiore
Interventi: 26
Iscritto in data: lun, 14 mag 2012 14:13

Intervento di ebbrofiore » mer, 27 giu 2012 17:08

Questo risponde perfettamente ad uno dei miei quesiti. Grazie mille.
Magari lei riesce ad aiutarmi anche sull'altro; ovvero la corrispondenza metrica italiano-napoletano.

Carnby
Interventi: 3540
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 27 giu 2012 19:30

ebbrofiore ha scritto:Magari lei riesce ad aiutarmi anche sull'altro; ovvero la corrispondenza metrica italiano-napoletano.
Secondo me sì, ma non sono un grande esperto di metrica.

Avatara utente
ebbrofiore
Interventi: 26
Iscritto in data: lun, 14 mag 2012 14:13

Intervento di ebbrofiore » ven, 29 giu 2012 18:40

Non mi va di aprire un altro topic per una domanda così breve:

Ai dialettofoni: la forma "Io sono" va scritta "I' so" (senza apostrofo) oppure "I' so'" (con l'apostrofo. Considerando so' come troncamento di "song").
Chi si prende la briga di rispondere, mi farebbe un grandissimo favore se mi riportasse qualche esempio scritto. Ad esempio, il vocabolario della lingua napoletana Raffaele Andreoli porta la voce "so" senza accento, ma dovunque io cerchi su internet è attestato nettamente "so'" con l'accento rispetto al primo.

Carnby
Interventi: 3540
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 29 giu 2012 18:58

ebbrofiore ha scritto:Non mi va di aprire un altro topic
Filone, prego. :wink:
ebbrofiore ha scritto:Ai dialettofoni: la forma "Io sono" va scritta "I' so" (senza apostrofo) oppure "I' so'" (con l'apostrofo. Considerando so' come troncamento di "song").
Quindi so/so' sarebbe troncamento di songhë? Chiedo scusa per la mia ignoranza. :?
ebbrofiore ha scritto:Ad esempio, il vocabolario della lingua napoletana Raffaele Andreoli porta la voce "so" senza accento, ma dovunque io cerchi su internet è attestato nettamente "so'" con l'accento rispetto al primo.
So/so' provoca raddoppiamento fonosintattico (si dice soppazzë o sopazzë)? Ha una certa importanza per stabilire se ci vada o no l'apostrofo.

Avatara utente
ebbrofiore
Interventi: 26
Iscritto in data: lun, 14 mag 2012 14:13

Intervento di ebbrofiore » ven, 29 giu 2012 19:00

E' quanto mi chiedo anche io. Comunque si dice "soppazzë", con raddoppiamento della bilabiale.

Carnby
Interventi: 3540
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 29 giu 2012 20:32

ebbrofiore ha scritto:E' quanto mi chiedo anche io. Comunque si dice "soppazzë", con raddoppiamento della bilabiale.
Qui trova la risposta (vale per l'italiano, credo che possa valere anche per il napoletano). Si dovrebbe scrivere so, senz'apostrofo. La prevalenza per la forma coll'apostrofo nasce, credo, dall'attuale tendenza alla lectio difficilior, la stessa ragione per la quale si preferisce omettere le vocali desonorizzate, dando così alla parola un'aria «settentrionale» o addirittura «straniera».

Avatara utente
ebbrofiore
Interventi: 26
Iscritto in data: lun, 14 mag 2012 14:13

Intervento di ebbrofiore » sab, 30 giu 2012 10:20

Ho consultato la "Cantata dei giorni pari" di Eduardo De Filippo, e lì è attestato più volte so' (apostrofato) sia per la prima persona singolare che per la terza plurale. Lo stesso vale per "L'inferno della poesia napoletana".

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite