«Ahimè»

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9584
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

«Ahimè»

Intervento di Marco1971 » mar, 05 lug 2005 18:14

I dizionari riportano la pronuncia con «e» aperta /ai'mE*/; in Toscana e altrove si sente spesso pronunciare con la «e» chiusa /ai'me*/, come sembra logico, poiché la parola è ovviamente composta da «ahi» + «me» (che ha la chiusa). Ora mi (e vi) domando come si giustifica la pronuncia stàndara con «e» aperta.

La mia ipotesi è questa: «ahimè» è parola letteraria, appresa dai libri piú che dal parlato, e potrebbe aver agito l’influsso dell’accento grafico, che si segnava sempre grave in fin di parola. Qualcuno ha un’altra spiegazione?

Grazie a chi vorrà rispondere.

Avatara utente
Miseria
Interventi: 84
Iscritto in data: mar, 05 lug 2005 18:05

Intervento di Miseria » mar, 05 lug 2005 18:52

Marco1971 ha scritto:La mia ipotesi è questa: «ahimè» è parola letteraria, appresa dai libri piú che dal parlato, e potrebbe aver agito l’influsso dell’accento grafico, che si segnava sempre grave in fin di parola. Qualcuno ha un’altra spiegazione?
No. Sinceramente, la sua mi sembra l’unica ipotesi plausibile. I corsi di dizione insegnano generalmente che quando la E è tonica e finale di parola tronca è sempre chiusa, tranne con le parole ahimè, cioè, caffè, Mosè, Noè, e qualche altra di origine straniera. Per logica, la pronuncia piú adatta dovrebbe essere ahimé… eppure devo dire di non aver mai sentito qualcuno pronunciare cosí. Quindi, ripeto, penso che l’unica spiegazione possibile sia la sua.
Una donna ci aspetta alle colline.

Avatara utente
cuci
Interventi: 109
Iscritto in data: lun, 19 set 2005 3:29
Località: Varese

Intervento di cuci » dom, 25 set 2005 16:27

Miseria ha scritto:No. Sinceramente, la sua mi sembra l’unica ipotesi plausibile. I corsi di dizione insegnano generalmente che quando la E è tonica e finale di parola tronca è sempre chiusa, tranne con le parole ahimè, cioè, caffè, Mosè, Noè, e qualche altra di origine straniera. Per logica, la pronuncia piú adatta dovrebbe essere ahimé… eppure devo dire di non aver mai sentito qualcuno pronunciare cosí. Quindi, ripeto, penso che l’unica spiegazione possibile sia la sua.
Da noi si pronunzia con la "e" aperta, ma si tratta della Lombardia, dove non s'azzecca mai una vocale aperta o chiusa che sia.
«Duva vidi moju zzappa fundu»

·Dum·Doceo·Disco·

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3638
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » gio, 24 nov 2005 11:08

Miseria ha scritto:
Marco1971 ha scritto:La mia ipotesi è questa: «ahimè» è parola letteraria, appresa dai libri piú che dal parlato, e potrebbe aver agito l’influsso dell’accento grafico, che si segnava sempre grave in fin di parola. Qualcuno ha un’altra spiegazione?
No. Sinceramente, la sua mi sembra l’unica ipotesi plausibile.
In realtà, a seguito d’un veloce scambio epistolare col Canepari, mi confermo sempre piú (e Luciano con me) nella mia idea che la pronuncia con /E/ sia il risultato d’una contaminazione con le toscanissime interiezioni (oh)i(m)mè(i), (oh)immèna.

Non mi è chiaro a cosa si debba la dittongazione della e in oimei, ma è ovvio che la pronuncia non possa essere che con /E/.

In ogni caso, ahimé /ai'me*/ etc. sono tutte grafie (e pronunce) ammissibili (e generalmente ammesse)…

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3638
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: «Ahimè»

Intervento di Infarinato » gio, 29 mag 2008 15:49

Marco1971 ha scritto:I dizionari riportano la pronuncia con «e» aperta /ai'mE*/; in Toscana e altrove si sente spesso pronunciare con la «e» chiusa /ai'me*/, come sembra logico, poiché la parola è ovviamente composta da «ahi» + «me» (che ha la chiusa). Ora mi (e vi) domando come si giustifica la pronuncia stàndara con «e» aperta.
Il nuovo DOP contribuisce a fare un po’ di luce sulla questione…

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo » mer, 08 feb 2012 14:11

Il Treccani, il Gabrielli, e il Sabatini-Coletti riportano solo ahimè.

Invece, il libro Si dice o non si dice? riporta in modo secco ahimé, senza ulteriori spiegazioni.

Serianni (X.7.) non affronta il problema delle due varianti, ma cita solo esempi con accento grave.

Di recente l'ho trovato su altri siti, ma sempre con la grafia ahimé (dovrei controllare anche la regione di provenienza di questi utenti che, in linea generale, hanno un grado d'istruzione medio-alto).

Insomma, sono accettabili in entrambe le forme. Eppure, non capisco la presa di posizione secca del Si dice o non si dice?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9584
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » mer, 08 feb 2012 16:01

È un errore. Andrebbe segnalato.

P.S. Cioè, l’errore consiste nel dire che ahimè è sbagliato; il DOP considera antiquata o letteraria la grafia ahimé.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Carnby
Interventi: 3574
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 08 feb 2012 20:36

Propongo una spiegazione: la e aperta appare più espressiva, come se si trattase di un lamento (almeno a me pare così). Aggiungo anche che espressioni di lamento con e aperta sono molto diffuse in area pisana.
Ultima modifica di Carnby in data dom, 18 mag 2014 17:17, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1379
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato » sab, 17 mag 2014 14:48

Per quel che vale, ho sempre scritto (e pronunciato) ahimé. Anzi, mi ha stupito apprendere che la preferenza del DOP (e del DiPI) va alla pronuncia aperta.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 15:31

Intervento di Scilens » sab, 17 mag 2014 17:29

Ohimmè, va bene. Ohi-mè. (e aperta, per l'enfasi, è cosa naturale e comune)

Ohimmèna?
E Oioi?
Trovo qualcosa in Omero, ma mi pare lontano. Anche se la lontananza linguistica spesso è solo incredibile, più che irreale.
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti