«Liberal»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Carnby
Interventi: 3503
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

«Liberal»

Intervento di Carnby » gio, 09 nov 2017 16:29

La recente rielezione di Bill de Blasio a sindaco di Nuova York (New York City) mi ha fatto pensare al significato di liberal nel contesto politico anglosassone e italiano (estendibile anche a buona parte dell’Europa continentale). De Blasio si considera liberal e progressista ma da da noi liberale, il più delle volte, significa automaticamente ‘conservatore’ (seppur non ultraconservatore). Mi è venuta l’idea di tradurre liberal con angloliberale, riferendomi alla tradizione del liberalismo anglosassone, che ne dite?

Avatara utente
G. M.
Interventi: 183
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

Intervento di G. M. » ven, 10 nov 2017 11:15

Il Treccani propone liberaldemocratico:
liberallìbërël› agg., ingl. (propr. «liberale»), usato in ital. come agg. e s. m. e f. – Termine che nei paesi anglosassoni, e spec. negli Stati Uniti, è usato per definire un’area culturale e politica aperta a innovazioni e mutamenti, e favorevole a programmi avanzati di riforme in campo economico, politico, sociale; per estens., progressista o democratico: una cultura l., l’ala l. del partito; anche come sost., riferito a persona: un l., una liberal. ◆ In ital. è usato, con sign. analogo, l’agg. e sost. liberaldemocràtico (v.).
liberaldemocràtico agg. e s. m. (f. -a) [comp. di liberale e democratico] (pl. m. -ci). – Che si ispira a idee liberali e democratiche: concezioni l.; come sost., persona di orientamento liberaldemocratico.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4022
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 10 nov 2017 11:57

Secondo me il problema di liberaldemocratico è che in Italia evoca comunque un orientamento politico piú a destra, «paraconservatore», oppure centrista. Tant’è che esiste un partito chiamato proprio Liberal Democratici che si colloca al centro dello spettro politico (lo stesso oscillare di questo partito dall’uno all’altro polo è indicativo in tal senso).

La proposta di Carnby mi pare valida perché individua senza possibilità di equivoci un orientamento politico peculiare al mondo anglosassone, anche se io direi piuttosto a quello americano. Se volessimo non solo tradurre ma anche localizzare il concetto, direi che il liberalismo americano si avvicina alla socialdemocrazia europea o al liberalismo sociale.

Avatara utente
lorenzos
Interventi: 223
Iscritto in data: lun, 30 mar 2015 15:59

Intervento di lorenzos » ven, 10 nov 2017 12:05

Gli Usa importano merci ed esportano parole e dollàri.

domna charola
Interventi: 1050
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » ven, 10 nov 2017 14:20

È un termine di tipo "ideologico", quindi strettamente legato a cultura e mentalità della società a cui si fa riferimento. Quindi secondo me è intraducibile.
No... non lapidatemi subito, per favore, arrivate in fondo!


Nel senso che un frullatore è un frullatore per tutti, e ogni lingua ha il suo termine, mentre un "liberale" è il frutto di un'evoluzione sociopolitica peculiare, e di "uguale per tutti" mantiene solo il suono di un nome che, in origine, aveva un certo significato, ma che poi anch'esso si è evoluto nel tempo.
Quindi, mi piace molto l'idea di tradurlo associandovi il nome del paese a cui si fa riferimento. Poi, la forma da fargli assumere effettivamente va studiata di volta in volta, però da un punto di vista storico è importante evidenziare subito a cosa (dove) si fa riferimento, per non cadere in soluzioni anacronistiche (penso in generale, a tutte le varie ideologie possibili).

Carnby
Interventi: 3503
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 10 nov 2017 15:38

Ferdinand Bardamu ha scritto:[...] un orientamento politico peculiare al mondo anglosassone, anche se io direi piuttosto a quello americano.
Vero, ma non abbiamo un prefissoide «elegante» per americano/statunitense. Ameroliberale, ameriliberale e amerliberale mi sembrano più brutti.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4022
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 10 nov 2017 21:40

domna charola ha scritto:Quindi, mi piace molto l'idea di tradurlo associandovi il nome del paese a cui si fa riferimento. Poi, la forma da fargli assumere effettivamente va studiata di volta in volta, però da un punto di vista storico è importante evidenziare subito a cosa (dove) si fa riferimento, per non cadere in soluzioni anacronistiche (penso in generale, a tutte le varie ideologie possibili).
Sí, son d’accordo. Dunque la soluzione piú semplice, stante anche la difficoltà — evidenziata da Carnby — di trovare un prefissoide elegante per americano/statunitense, è liberale americano.

Liberal è una parola che può trovare una traduzione diversa se non a costo di forzature e anacronismi: liberal-democratico e liberal-socialista recano un’impronta troppo «nostrana» per essere adeguati.

Se si vuole stare sul generico, però, secondo me può andar bene anche progressista.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite