Casi particolari di elisione per «uno/a»

Spazio di discussione su questioni di grafematica e ortografia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Fumettista siciliano
Interventi: 2
Iscritto in data: gio, 31 ago 2017 16:43

Casi particolari di elisione per «uno/a»

Intervento di Fumettista siciliano » gio, 01 feb 2018 0:57

Salve a tutti.

Mentre lavoravo a un testo, mi è venuto un dubbio: come ci si comporta, quando «uno/a» non è seguito direttamente dal sostantivo a cui si riferisce, bensì da un avverbio o da un'altra parte del discorso?

Ad esempio, in frasi come «Dovetti rifornirmi di acqua, per non partire con un'altrimenti vuota borraccia», oppure «Notai un appena accennato sorriso sul suo volto».

È corretto apostrofare (o non apostrofare) l'articolo in base al sostantivo a cui è naturalmente collegato, anche se non è l'elemento della frase che lo segue direttamente? E quindi scrivere «un'altrimenti vuota borraccia», ma, ad esempio, «un altrimenti vuoto boccale»?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3615
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Re: Casi particolari di elisione per «uno/a»

Intervento di Infarinato » gio, 01 feb 2018 2:28

Fumettista siciliano ha scritto:È corretto apostrofare (o non apostrofare) l'articolo in base al sostantivo a cui è naturalmente collegato, anche se non è l'elemento della frase che lo segue direttamente? E quindi scrivere «un'altrimenti vuota borraccia», ma, ad esempio, «un altrimenti vuoto boccale»?
Certo, ché, ad esempio, la prima frase equivale a «una altrimenti vuota borraccia».

P.S. Benvenuto! :D

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Bing [Bot] e 0 ospiti