«Walkman» e «podcasting»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9583
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

«Walkman» e «podcasting»

Intervento di Marco1971 » lun, 02 ott 2006 13:06

Walkman è stato reso in francese con baladeur (da se balader, ‘passeggiare’, idea espressa dal verbo to walk), alla lettera ‘passeggiatore’. Se manteniamo questo concetto, dobbiamo scartare subito passeggino, che richiama tutt’altro; ma si potrebbe pensare a spassino (da ‘andare a spasso’). Se la proposta è valida, allora sarebbe facile tradurre podcasting con spassodiffusione (francese baladodiffusion, sul modello di télédiffusion, radiodiffusion, ecc.).

Attendo commenti e proposte. :)

P. S. Qualcuno sa com’è stato tradotto in ispagnolo?

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude » lun, 02 ott 2006 17:58

Usiamo walkman in portoghese e in ispagnolo (la prima volta che uso questa i :D qui ). :oops:

Brazilian dude

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9583
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » lun, 02 ott 2006 18:27

E come mai allora il Diccionario de la Real Academia Española non lo registra? :roll:

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude » lun, 02 ott 2006 19:29

Non lo so dire.

Avatara utente
arianna
Interventi: 234
Iscritto in data: lun, 06 dic 2004 15:08

Intervento di arianna » lun, 02 ott 2006 21:24

Anche il mio dizionario francese-spagnolo e v. alla voce baladeur scrive walkman®

Forse l'Accademia spagnola non lo registra perché walkman è un marchio registrato? :roll: :?


Ricordo che a scuola talora dicevamo radiolina in vece di walkman ma mi rendo conto che radiolina non può sostituire quest'ennesimo forestierismo :(
Ultima modifica di arianna in data lun, 02 ott 2006 22:01, modificato 1 volta in totale.
Felice chi con ali vigorose
le spalle alla noia e ai vasti affanni
che opprimono col peso la nebbiosa vita
si eleva verso campi sereni e luminosi!
___________

Arianna

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » lun, 02 ott 2006 21:58

Be', non c'è molto da preoccuparsi della denominazione del defunto walkman, che per conto mio si può chiamare semplicemente mangianastri portatile/da tasca/altro senza bisogno di inventarsi neologismi.

Però non ho capito spassodiffusione: la caratteristica precipua del cosiddetto podcasting non è tanto la possibilità di portarsi in giro gli audio in un lettore mp3, quanto l'indipendenza da un palinsesto prefissato. Almeno cosí mi risulta.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9583
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » lun, 02 ott 2006 22:18

Il GDT definisce podcasting/baladodiffusion in questo modo:
Mode de diffusion qui permet aux internautes, par l'entremise d'un abonnement à des fils RSS ou équivalents, d'automatiser le téléchargement de contenus radiophoniques, audio ou vidéo, destinés à être transférés sur un baladeur numérique pour une écoute ou un visionnement ultérieurs.

Modo di diffusione che permette agl’internauti, tramite abbonamento a fili (?) RSS o equivalenti, di automatizzare lo scaricamento di contenuti radiofonici, audio o video, destinati a essere trasferiti s’uno spassino numerico per un ascolto o una visione ulteriore.
Ieri andavano di moda i discman, come ieri l’altro i walkman, e oggi i lettori mp3. A me sembra che un termine generico come, ad esempio, spassino (che coniuga lo spostarsi al piacere), possa applicarsi a tutti e tre. :)

Ma attendo altri pareri.

Avatara utente
Decimo
Interventi: 435
Iscritto in data: ven, 18 ago 2006 13:45
Località: Modica

Intervento di Decimo » lun, 02 ott 2006 22:52

Marco1971 ha scritto:Ma attendo altri pareri.
Udite, fratelli, ascoltate, sorelle d'Italia! Salutiamo il progresso quale redentore della nostra lingua! Esso sta infatti lentamente facendo strage di forestierismi strettamente legati a realtà elettroniche e informatiche che sono in rapido e inesorabile dissolvimento!
Salutiamo il progresso quale possibilità di poter riprendere in mano le redini del carro della nostra lingua! Da esso infatti noi scagliamo i dardi cui sopra è inciso novità ferendo mortalmente ciò che in fronte ha il marchio della bestia: obsoleto! :lol:

Felicitiamoci, fratelli e sorelle, di un progresso che ha sistematicamente appallottolato i floppy, i walkman, e altri doni impuri di un retaggio ormai troppo arretrato e li ha gettati con violenza nell'immondezzaio della tecnologia trogloditica! :lol:

Ironia retorica a parte, noto con sommo piacere che alcuni scomodissimi anglicismi stiano languendo proprio grazie all'avvento di tecnologie più avanzate cui spesso si fa a meno dell'esterofilia tipica del popolo cisalpino: ne è un caso palese il lettore mp3 (pronunciato emmepittré), che ha, con molta evidenza, soppiantato l'ormai troppo arretrato walkman a cassette e a dischi.

Ma "uno spettro si aggira per l'Europa": lo spettro dell'i-pod, che pretende di sostituire il summenzionato lettore mp3. :lol: (Perdonate il riferimento in chiave ironizzante, spero di non aver leso la sensibilità ideologica di nessuno.)

Chi traduce, batta un colpo!
Ultima modifica di Decimo in data lun, 26 lug 2010 2:59, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mar, 03 ott 2006 18:26

Marco1971 ha scritto:Ma attendo altri pareri.
A me sembra una definizione impropria: si veda anche la relativa voce di wikipedia.
In particolare:
Il termine è, in realtà, improprio, visto che né per il podcasting, né per il successivo ascolto dei file sono strettamente necessari l'utilizzo di iPod o una trasmissione tradizionale (broadcasting). L'associazione con iPod nacque semplicemente perché in quel periodo il lettore audio portatile ideato e prodotto da Apple era estremamente diffuso.

Il termine è stato spesso criticato poiché darebbe meriti ingiustificati alla Apple nello sviluppo della tecnologia del podcasting. Per questo motivo si è cercato di renderlo "neutro", utilizzandolo come acronimo di "Personal Option Digital casting [...]

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9583
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » mar, 03 ott 2006 18:42

Mi sa che lei confonde la proprietà della definizione con quella del termine... ;)

Avatara utente
Decimo
Interventi: 435
Iscritto in data: ven, 18 ago 2006 13:45
Località: Modica

Intervento di Decimo » mar, 03 ott 2006 18:50

Marco1971 ha scritto:Mi sa che lei confonde la proprietà della definizione con quella del termine... ;)
Ehm... avanzo una timida domanda: in che proporzione nelle vostre regioni è presente il vocabolo chiavetta per designare il lettore mp3 con l'elemento d'inserimento USB (perdonate la mia ignoranza, ma non ho la minima idea di come si chiami! :D ) e il famigerato PenDisk (la memoria esterna dalle dimensioni di un pacco di gomme)?

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mar, 03 ott 2006 19:09

Marco1971 ha scritto:Mi sa che lei confonde la proprietà della definizione con quella del termine... ;)
No: l'etimologia del termine viene ignorata e è anzi stata modificata coerentemente coll'uso che si fa dell'oggetto; è dunque la definizione ad essere errata.
E comunque a noi serve soprattutto capire l'uso di podcasting per proporre un'alternativa.
Decimo ha scritto:in che proporzione nelle vostre regioni è presente il vocabolo chiavetta per designare il lettore mp3 con l'elemento d'inserimento USB (perdonate la mia ignoranza, ma non ho la minima idea di come si chiami! :D ) e il famigerato PenDisk (la memoria esterna dalle dimensioni di un pacco di gomme)?
Immagino che lo chiamino pendrive (che è poi uno strumento di storage esterno, ovviamente). Comunque nella mia zona chiavetta è ampiamente prevalente.

Ah, una cosa.
Decimo ha scritto:Ma "uno spettro si aggira per l'Europa": lo spettro dell'i-pod, che pretende di sostituire il summenzionato lettore mp3.
Non c'è problema: molti usano da sempre player mp3.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9583
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » mar, 03 ott 2006 19:59

La definizione del GDT non è errata e corrisponde a quella data su Wikipedia. L’etimologia è una cosa; l’uso che si fa d’una parola, un’altra.

E sotto la definizione, il GDT riporta una lunga nota, di cui cito solo l’inizio:
Les contenus multimédias sont généralement offerts en baladodiffusion dans les sites d'information (radiodiffuseurs) et les blogues. Les différentes souscriptions aux fils de syndication permettent aux internautes de créer automatiquement une liste de lecture personnelle.
La baladodiffusion a été popularisée par les blogues. Cette technique, toujours en évolution, permet surtout de diffuser des fichiers audio, mais aussi des fichiers vidéo (présélectionnés depuis un site Web ou créés par le blogueur) directement sur le baladeur numérique MP3 ou multimédia d'un visiteur intéressé. Le système permet de s'inscrire et de recevoir automatiquement chaque mise à jour. Certains blogueurs peuvent ajouter cette fonction à leur blogue et diffuser à l'occasion un billet audio, une entrevue ou encore une émission de radio de leur cru, et même une capsule vidéo, à destination des baladeurs numériques.


I contenuti multimediali sono generalmente offerti per spassodiffusione nei siti d’informazione (radiodiffusori) e nei blogghi. I vari abbonamenti ai fili di sindacazione (?) permettono agl’internauti di creare automaticamente una lista di lettura personale.
La spassodiffusione è stata resa popolare dai blogghi. Tale tecnica, sempre in evoluzione, permette soprattutto di diffondere archivi audio, ma anche video (preselezionati da un sito o creati dal blogghista) direttamente sullo spassino numerico MP3 o multimediale del visitatore interessato. Il sistema consente d’iscriversi e di ricevere automaticamente ogni aggiornamento. Alcuni blogghisti possono aggiungere questa funzione al loro bloggo e diffondere all’occasione un biglietto audio (?), un’intervista, una loro trasmissione radiofonica o anche una capsula video (?), a destinazione degli spassini numerici.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mer, 04 ott 2006 19:51

Marco1971 ha scritto:La definizione del GDT non è errata e corrisponde a quella data su Wikipedia. L’etimologia è una cosa; l’uso che si fa d’una parola, un’altra.
È errata nella misura in cui dà l'impressione che tutto il cosiddetto podcasting sia funzionale al godimento dei contenuti mediante lettori mp3.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9583
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » mar, 10 ott 2006 22:46

M’è venuta in mente un’altra possibilità: ambulino (numerico), da (de)ambulare, da cui ricaverei ambulodiffusione. Non m’illudo certo d’incontrare maggior consenso, ma volevo comunque segnalarlo.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti