Interrogative indirette: indicativo o congiuntivo?

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10058
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Interrogative indirette: indicativo o congiuntivo?

Intervento di Marco1971 »

Apro questo filone perché c’è chi ritiene errato l’indicativo nelle proposizioni interrogative indirette. La questione è piú complessa e pertiene, perlopiú, a scelte stilistiche.

Nelle interrogative indirette è possibile adoperare sia l’indicativo sia il congiuntivo. La scelta dipende generalmente dal grado di formalità stilistica:
Luca Serianni (XIV.86) ha scritto:Anche in questo caso i due modi fondamentali, indicativo e congiuntivo, non corrispondono in genere a un diverso grado di certezza, ma, semmai, a un livello stilistico piú o meno formale o a semplici variazioni libere (significativo il seguente esempio di C. Alvaro, cit. in MORETTI-ORVIETO 1979: I 107, in cui di tre interrogative coordinate due sono all’indicativo e una al congiuntivo: «gli chiedeva quanti erano in casa, se avesse il padre e la madre, se era fidanzata»).

Un’alternanza di indicativo e congiuntivo dislocata sull’asse certezza (oggettività) / incertezza (soggettività) può rinvenirsi in questi due esempi, attinti in SCHMITT-JENSEN 1970: 647: «ognuno lo sa perché fa il partigiano» (Calvino; inaccettabile *perché faccia); «costui sapeva perfino chi fosse» (Pavese; di fronte a un possibile indicativo, il congiuntivo contrassegna un fatto che non è generalmente noto, se non al soggetto dell’azione).
Si leggano anche i paragrafi seguenti (87, 88, 89).
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Ecco, ogni tanto serve un filone riassuntivo delle "puntate precedenti", di cui comunque per comodità faccio una piccola cernita.
Per cominciare questa scheda della Crusca. Poi, se ne è discusso qui, qui, qui, qui, qui e qui; cenni qui, qui, qui, qui e qui.
Buona lettura e buon "ripasso"!
Avatara utente
Zabob
Interventi: 923
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob »

Riporto l'intervento di Federico aggiornando tutti i collegamenti non funzionanti (tranne quello sottolineato):
Federico ha scritto:Per cominciare questa scheda della Crusca. Poi, se ne è discusso qui, qui, qui, qui, qui e qui; cenni qui, qui, qui, qui e qui.
Buona lettura e buon "ripasso"!
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti