[Regola fantasma] «Se stesso»

Spazio di discussione su questioni di grafematica e ortografia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4179
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

[Regola fantasma] «Se stesso»

Intervento di Ferdinand Bardamu » lun, 12 dic 2011 12:49

REGOLA FANTASMA:
  • perde l’accento davanti a stesso e stessa ma lo riacquista davanti a stesse e stessi.
Niente giustifica questa regola, invalsa nell'uso ma non sostenuta da valide ragioni. Serianni [1] spiega che è «[s]enza reale utilità la regola di non accentare quando sia seguito da stesso o medesimo, giacché in questo caso non potrebbe confondersi con la congiunzione: è preferibile non introdurre inutili eccezioni e scrivere sé stesso, sé medesimo. Va osservato, tuttavia, che la grafia se stesso è attualmente preponderante […]».

Nel fòro [2], si trova già un filone dedicato a sé stesso, con ulteriori rimandi agli interventi inseriti in merito nello spazio di discussione (ora chiuso) della Crusca.

In un'apposita scheda dell'Accademia della Crusca [3], si trova una rassegna delle prescrizioni o dei pareri dati dalle grammatiche, e alcuni esempi d'uso dell'una forma e dell'altra nelle varie redazioni dei Promessi Sposi. La conclusione è che, nonostante i pareri discordanti degli studiosi, «è preferibile considerare non censurabili entrambe le scelte, mancando in realtà una regola specifica».

Ancora la Crusca, in un'altra scheda [4], afferma: «Alcuni, quando il pronome è seguito da stesso e medesimo, tralasciano di indicare l'accento, perché in questo caso il se pronome non può confondersi con se congiunzione: se stesso, se medesimo. Noi, però, consigliamo di indicare l'accento anche in questo caso, e quindi di scrivere sé stesso, sé medesimo».

Dello stesso parere anche il Dizionario d'ortografia e di pronunzia (DOP) [5]: «Frequenti ma non giustificate le varianti grafiche se stesso, se medesimo, invece di sé stesso, sé medesimo […] a favore della gf. sempre accentata l'opportunità di seguire una stessa regola per tutte le occorrenze del pron. ».


RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  1. Luca Serianni, Grammatica Italiana, Garzanti, Milano, 2000, I, §177b
  2. Sé stesso, filone nella sezione «Grafematica» di Cruscate
  3. Accentazione del pronome se stesso, scheda sul sito dell'Accademia della Crusca
  4. Vademecum sull'accento: quando indicarlo e dove pronunciarlo, scheda sul sito dell'Accademia della Crusca
  5. Dizionario italiano multimediale e multilingue d'ortografia e di pronunzia,

Avatara utente
GFR
Interventi: 306
Iscritto in data: ven, 10 ott 2014 21:39

Re: [Regola fantasma] «Se stesso»

Intervento di GFR » mar, 01 ott 2019 19:21

Il se stesso è uno dei miei più cari ricordi scolastici: guai a scrivere , arrivava il segno blu.

Ho ripensato alla questione perché mi è capitato di trovare sui giornali degli articoli di giornalisti che, già avanti con gli anni, non cedono all'accento.
Anche loro devono essere stati catechizzati con la «regola fantasma».
La poesia è sfuggente al comando/ma so che esiste in ciò che mi circonda/timida basta la cresta di un'onda/per dir che l'attimo si sta annunciando/ A volte il lago mi si apre allorquando/nei suoni colgo il suo canto alla sponda/

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Google [Bot] e 0 ospiti