Malattia di natura da determinarsi

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Malattia di natura da determinarsi

Intervento di Fausto Raso » dom, 05 nov 2006 1:08

Mi è capitato di leggere, in un certificato medico, "malattia di natura da determinarsi".
A mio avviso "da determinarsi" è uno strafalcione e la frase va corretta in "da determinare". La preposizione "da" posta davanti a un verbo di modo infinito rende quest'ultimo di forma passiva (di conseguenza la particella "si" va omessa). Da determinare, vale a dire che deve essere determinata, che si deve determinare.

primastrega
Interventi: 38
Iscritto in data: ven, 21 ott 2005 13:18

Intervento di primastrega » dom, 05 nov 2006 18:27

"Malattia di natura da determinarsi", forse è una forma un po' "burocratese" ma non sono convinta che sia del tutto errata.
Fausto Raso ha scritto:che deve essere determinata, che si deve determinare
Nel secondo esempio è presente la particella si...

Che deve essere determinata= da determinare
Che si deve determinare= da determinarsi

O no? :roll:

Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » dom, 05 nov 2006 18:44

primastrega ha scritto: Nel secondo esempio è presente la particella si...
Mi spiego meglio: la particella "si" non deve essere "attaccata" al verbo.
Natura da determinare= che si deve determinare.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9560
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » dom, 05 nov 2006 19:32

Luca Serianni (XIV, 247) ha scritto:Alcuni aggettivi (bello, brutto, facile, difficile, strano, ecc.) possono reggere un verbo con valore passivo, introdotto dalle preposizioni a o da. Si hanno allora quattro costrutti in concorrenza:
I. aggettivo + a + infinito: «gli orsi sono belli ad accarezzare» (Pratolini)
II. aggettivo + a + infinito composto col si passivante: «sono cose difficili a spiegarsi» (Moravia [...]).
III. aggettivo + da + infinito: «quell’uva tanto brutta da vedere quanto buona da mangiare» (Tomasi di Lampedusa [...]).
IV. aggettivo + da + infinito composto col si passivante: «il disegno era piú facile da concepirsi che da eseguirsi» (Manzoni, I Promessi Sposi, XVI 18).
Sono quindi corrette tutt’e quattro le costruzioni.

primastrega
Interventi: 38
Iscritto in data: ven, 21 ott 2005 13:18

Intervento di primastrega » lun, 06 nov 2006 21:19

Grazie, Marco.

Mi sembra che nelle prescrizioni mediche, in effetti, sia prediletta la forma col si passivante (da prendersi tre volte al giorno, ecc).

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Majestic-12 [Bot] e 1 ospite