Iniziale maiuscola sempre?

Spazio di discussione su questioni di grafematica e ortografia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Fausto Raso
Interventi: 1702
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Iniziale maiuscola sempre?

Intervento di Fausto Raso »

Moltissime persone sono convinte – complice la scuola, gli insegnati non si soffermano sufficientemente su questo argomento (o non lo conoscono?) – che dopo il punto interrogativo (o punto di domanda) si debba “obbligatoriamente” cominciare il periodo che segue con l’iniziale maiuscola. Le cose non stanno cosí. Occorre distinguere da periodo a periodo. Se si tratta di un susseguirsi di domande (o interrogazioni) facenti parte di un unico concetto; di periodi compiuti ma “concatenati” tra loro, ciascuna iniziale avrà la lettera minuscola: “Io andarmene? mai!". Ma vediamo un esempio molto piú autorevole, il Manzoni: “Cos’è? Cos’è? Campane a martello! fuoco? ladri? banditi? Volete tornare indietro ora? e farmi fare uno sproposito? (Promessi Sposi, 6 e 7).
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10414
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Infatti si legge nella grammatica di Luca Serianni:
Dopo un punto interrogativo o esclamativo si può avere maiuscola o minuscola, a seconda che chi scrive percepisca uno stacco netto fra i due membri della frase (equiparabile a quello determinato dal punto) oppure ne sottolinei la successione in una sequenza unitaria. (I, 195)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Il fatto è che alle elementari i bambini hanno bisogno di un minimo di certezze, e le maestre non possono insegnare la lingua e la grammatica in tutta la loro complessità.
L'apprendimento della grammatica non dovrebbe arrestarsi alle elementari, ma di fatto non si fa piú niente dopo perché si presume che certe cose gli alunni le sappiano già.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10414
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Io credo anche che alcuni docenti non sappiano di questa distinzione…
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Fausto Raso
Interventi: 1702
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Marco1971 ha scritto:Io credo anche che alcuni docenti non sappiano di questa distinzione…
Parole "sante", gentile Marco.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor »

Mi associo in pieno. :(
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Io invece non me la sento di associarmi alla denigrazione del nostro corpo insegnante.
Sarò stato fortunato io.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10414
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Non è denigrazione: è costatazione.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Fausto Raso
Interventi: 1702
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Marco1971 ha scritto:Non è denigrazione: è costatazione.
Una docente di scuola secondaria di II grado: "Qual è si tronca SOLO se si riferisce a un maschile, 'qual è il tuo libro?", ma 'qual'è la tua penna?' ".

Il gentile Federico tragga le conclusioni.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor »

Federico ha scritto:Io invece non me la sento di associarmi alla denigrazione del nostro corpo insegnante.
Sarò stato fortunato io.
Caro Federico, nessuno sostiene che il nostro corpo insegnante sia composto SOLO da incompetenti. Per quello che è la mia esperienza (nonché per il confronto con quelle altrui che ho potuto conoscere) in genere tuttavia così è.
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

methao_donor ha scritto:Caro Federico, nessuno sostiene che il nostro corpo insegnante sia composto SOLO da incompetenti. Per quello che è la mia esperienza (nonché per il confronto con quelle altrui che ho potuto conoscere) in genere tuttavia così è.
Per quella che è la mia esperienza, non posso dire nemmeno questo, ma non pretendo che il mio caso abbia qualche rappresentatività statistica: so solo che spesso ho visto giudicare degli insegnanti incompetenti a sproposito.
methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor »

Questo è vero...
Ai tempi della scuola sovente dai miei compagni ho sentito criticare dai miei compagni il mio professore di lettere, pel solo fatto che si differenziava dagli altri (in meglio!)
Ciò non toglie, purtroppo, che la situazione generale sia piuttosto tragica. :cry:
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

methao_donor ha scritto:Ai tempi della scuola sovente dai miei compagni ho sentito criticare dai miei compagni il mio professore di lettere, pel solo fatto che si differenziava dagli altri (in meglio!)
E recentemente m'è capitato di sentire criticare una professoressa per una sua affermazione sull'analisi logica che non era prevista dal libro ma era comunque corretta; del resto è sciocco pretendere che i professori siano infallibili, eppure molti alunni risentiti si sentono in dovere di «coglierli in castagna».
methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor »

Più che altro... Molti alunni si arrabbiano se vengono valutati a dovere per avere imparato la lezioncina a memoria senza averci capito nulla. ;)
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

methao_donor ha scritto:Più che altro... Molti alunni si arrabbiano se vengono valutati a dovere per avere imparato la lezioncina a memoria senza averci capito nulla. ;)
Mi sa che ci siamo un po' allontanati dal problema iniziale.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite