L’italiano non è piú una lingua

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4345
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Carnby ha scritto:Penso che anche nella descrizione in tedesco ci sia l'anglicismo nel dispositivo (scusate no, device) in questione.
Pensa bene: «… dein erster Schritt zu mehr Fitness». Mal comune, mezzo gaudio?
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3747
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

«Mezzo gaudio», my arse, caro il mi’ Ferdinand! Il tedesco è una lingua germanica, e perdipiú con una fonotassi assai meno «prescrittiva» della nostra: l’unico raffronto sensato da farsi è proprio quello con le altre lingue romanze, come hai giustamente fatto tu…

E ad «aggiungere la beffa al danno» ecco súbito la versione francese, in cui non ci si perita di parafrasare con ampie circonlocuzioni pur di non isnaturare la propria lingua.

E il colpo di grazia me lo dà quel nostro bellissimo e indigeno allenare, laddove tutte le altre lingue neolatine ricorrono a un anglicismo (sebbene antico e perfettamente adattato, e comunque un «latinismo di ritorno»). :cry:
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4345
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

La tirata d’orecchi me la prendo tutta: era doverosa. Gli è che ogni tanto mi piglia lo sconforto e cerco di consolarmi (malamente) per non farmi venire il nervoso.

Ah, giusto per completezza, in inglese quella descrizione è cosí: «… your first step to getting active». Nessuna traccia di fitness.
Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1672
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello »

Ah, giusto per completezza, in inglese quella descrizione è cosí: «… your first step to getting active». Nessuna traccia di fitness.
Appunto...
Carnby
Interventi: 3635
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

Infarinato ha scritto:Il tedesco è una lingua germanica, e perdipiú con una fonotassi assai meno «prescrittiva» della nostra
Forse per quanto riguarda il tedesco odierno; per quanto riguarda il tedesco «vecchio stile» ho qualche dubbio sulla poca prescrittività della fonotassi...
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3747
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

Sarà stata anche «prescrittiva», ma di «restrittive» come la fonotassi italiana tradizionale ce ne sono davvero pochi esempi in giro, anche tra le lingue romanze
Carnby
Interventi: 3635
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

Infarinato ha scritto:di «restrittive» come la fonotassi italiana tradizionale ce ne sono davvero pochi esempi in giro, anche tra le lingue romanze
Purtroppo questa «restrittività» (reale) è ben poco conosciuta anche presso alcuni «addetti ai lavori», e sarebbe necessaria una maggiore informazione (sempre che serva a qualcosa, ma vale la pena tentare).
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4345
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Mi permetto di aggiungere qui un mio commento su un’affermazione di De Mauro sentita or ora. Il linguista sta parlando alla radio, nel programma La lingua batte su Radio Tre.

Sappiamo benissimo quale sia la posizione di De Mauro sugli anglicismi. Ora prosegue su questa linea e paragona italiano e inglese per la percentuale di forestierismi presenti nell’una e nell’altra lingua. Ma a me questo pare un paragone mal pensato: la «romanizzazione» dell’inglese è antichissima, le parole di origine latina o neolatina essendo parte inscindibile dell’identità di questa lingua. L’inglese, invece, fornisce oggi all’italiano parole che sono tuttora, per dirla con Migliorini, parole «meteche».

Commento del conduttore: «E con questo possiamo rassicurare i nostri ascoltatori preoccupati per l’influenza dell’inglese». Mah.
Carnby
Interventi: 3635
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

Ferdinand Bardamu ha scritto:Ora prosegue su questa linea e paragona italiano e inglese per la percentuale di forestierismi presenti nell’una e nell’altra lingua. Ma a me questo pare un paragone mal pensato: la «romanizzazione» dell’inglese è antichissima, le parole di origine latina o neolatina essendo parte inscindibile dell’identità di questa lingua. L’inglese, invece, fornisce oggi all’italiano parole che sono tuttora, per dirla con Migliorini, parole «meteche».
Questo sarebbe vero se gli anglicismi «crudi» (tipo computer) fossero parole di basso utilizzo, mentre gli anglicismi adattati (tipo bistecca) alla fonotassi e alla grafia dell'italiano (che, ricordiamo, ha un alfabeto di 21 lettere e non di 26) fossero quanti sono oggi gli anglicismi «crudi» in libera circolazione su giornali e libri. Non è così e lo sappiamo tutti (tranne il professor De Mauro, a quanto sembra).
Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

Da un'emittente locale che s'occupa d'ogni genere di diporto: l'arbitro-moviolista sta facendo rivivere agli ospiti in studio i momenti salienti d'una partita di calcio, quand'ecco che si sofferma sul fallo d'un giocatore. Egli inizia cosí a favellar in «buranglitese»: «Vediamo il replay dell'azione. Attenzioniamo (?) quello che succede. Ancora piú avanti. Ecco, ci siamo, possiamo stoppare l'immagine. Il giocatore commette il fallo ma, come potete vedere, la palla era già in corner. Rivediamo il replay. Ecco qua, si vede chiaramente che la palla era già in corner. Sugli sviluppi dello stesso corner, poi, x espleterà (!) il cross che verrà stoppato da y, il quale segnerà il goal decisivo del match.». Il conduttore della trasmissione replica in tal guisa: «Grazie Marco per gli highlights del match. Ora un breve spot:shock: :cry: :evil:
Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 15:31

Intervento di Scilens »

Ma imparASSERO per bene l'inglese, 'sti 'gnorantoni, che è tutto pieno d'italiano!
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.
Apani
Interventi: 50
Iscritto in data: mer, 30 lug 2014 15:49

Intervento di Apani »

Il tiggì parlando di Ebola per la seconda volta mi nomina il West Africa; almeno non moriremo di monoglossia.
Avatara utente
bertrand822
Interventi: 33
Iscritto in data: gio, 11 set 2008 0:19
Località: Roma

ITALIANO EFFIMERO

Intervento di bertrand822 »

Un interessante articolo su scenari economici.
Avatara utente
Zabob
Interventi: 923
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob »

Sul considerare errore «uno di quelli che ha» avrei qualche dubbio... mi sembra una concordanza a senso del tutto legittima.
«Se non ha roba, tu sai che la roba viene e va; e costui è uno di quelli che è atto a farne venire, ed io non lo abbandonerò» (Machiavelli, Clizia)
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4345
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: ITALIANO EFFIMERO

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Gianni Pardo ha scritto:Il latino è stato parlato e scritto per qualcosa come tredici secoli e tuttavia ha subito variazioni insignificanti.
Questo è falso. Se la lingua letteraria, dopo il periodo classico, si è conservata pressoché intatta negli autori successivi (sto semplificando all’estremo), la lingua parlata ha subíto le normali modificazioni delle lingue vive, tant’è che da essa sono nate le lingue romanze.

Il resto dell’articolo contiene alcune giuste condanne (piuttosto che disgiuntivo, *settimana prossima per la settimana prossima, *arrampicare per arrampicarsi, ecc.) e qualche regola fantasma: una è già stata citata da Zabob; l’altra riguarda frasi come «Parlaci tu». Forse l’autore crede che quel ci sia un complemento di termine di terza persona, ma in realtà corrisponde a un pronome personale preceduto dalla preposizione con: «Parla tu con lui, con lei» (cfr. L. Serianni, Italiano, Milano, «Garzanti», 2000, § VII. 48-49).
Chiuso

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite