«Autoesplicativo»

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

«Autoesplicativo»

Intervento di Brazilian dude »

Ieri ho usato autoesplicativo ma oggi mi domando se sia veramente corretto. Mi potete ausiliare?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3670
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: Autoesplicativo

Intervento di Infarinato »

Brazilian dude ha scritto:Ieri ho usato autoesplicativo ma oggi mi domando se sia veramente corretto. Mi potete ausiliare?
Non lo trovo su nessuno dei dizionari in mio possesso (…ma non escludo che il Battaglia o l’ultima edizione del GRADIT lo registrino). Però l’ho sicuramente già sentito/visto, ed è ben foggiato (auto- ed esplicativo esistono), quindi… ;)

P.S. Ausiliare non esiste [ancora] come verbo in italiano. :)

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9610
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Nulla da aggiungere a quanto detto da Infarinato, se non che il termine in questione non è neanche nei supplementi del GRADIT e del Battaglia.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude »

P.S. Ausiliare non esiste [ancora] come verbo in italiano. :)
Hahaha, grazie. Avevo prima scritto dare una mano, ma mi sono sentito tanto stupido, ignorante e semplice perché usate un vocabolario tanto ricco in questo forum che ho provato a imitarvi, ma non ci sono riuscito :oops: .

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9610
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Ah! Vedo solo ora che pure esiste il verbo ausiliare, considerato letterario dal Battaglia e obsoleto dal Gabrielli bivolume. Vede, caro Brazilian dude, ci ha permesso di scoprire qualcosa. :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude »

Ne ho trovato qualche decina eppure centinaio di occorrenze su Google dopo il vostro commento. Non mi è sembrato letterario (al meno nell'uso - scarso, lo so - che se ne fa nei nostri giorni).

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9610
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Poiché so che lei tiene alla precisione, mi permetto di correggerle tre cosucce: e pure staccato, sennò il senso cambia; almeno univerbato; ai giorni nostri, non nei.

Riguardo alle occorrenze gugoliane, non ho guardato, ma devo dire che quando ho visto ausiliare usato come verbo nel suo intervento m’è parso cosí strano che ho dovuto controllare (e nel GRADIT non c’è proprio). Se dovessimo adoperarlo oggi, sarebbe in uno scritto estremamente aulico, e non certo in frasi come «Mi può ausiliare?», che farebbe ridere, ne sono certo, la maggior parte dei parlanti. ;)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite