Un verbo per dire «generare attrito»

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Un verbo per dire «generare attrito»

Intervento di Animo Grato » mer, 11 lug 2018 17:26

Apro il filone qui, poi eventualmente qualche amministratore provvederà a spostarlo.
Mi è stata posta la domanda che potete facilmente intuire dall'oggetto, e che rigiro a voi: c'è in italiano un verbo che significhi «generare attrito», «aumentare l'attrito» e simili? Parlo di attrito in senso squisitamente meccanico, non metaforico. Come definire l'effetto di una sostanza come la pece, che si usa ad esempio per aumentare l'attrito tra i crini dell'archetto e le corde del violino? *«Attritizzante»?
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3613
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mer, 11 lug 2018 19:17

In cosmesi è in uso —mi pare— viscosizzante, ma la viscosità («attrito interno») non è l’attrito di cui si parla.

Attritizzante è un po’ uno scioglilingua, ma non è mal formato. Del resto, che io sappia, nemmeno l’inglese ha saputo fare meglio di friction-increasing [substance].

Una dòtta alternativa potrebbe essere tribopoietico, che probabilmente non è nell’uso, ma è teoricamente possibile, visto che tanto il prefisso quanto il suffisso esistono [col significato che cerchiamo] e sono propri della terminologia tecnico-scientifica.

Ma forse dovremmo attendere il parere di qualche fisico in ascolto…

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » mer, 11 lug 2018 19:45

Intanto, grazie. Per quanto riguarda tribopoietico (che di per sé andrebbe benissimo), temo di averla portata leggermente fuori strada: quello che mi avevano chiesto era un verbo. Sono stato io, in seconda battuta, a mischiare le carte ponendomi il problema dell'aggettivo, che però sarebbe automaticamente risolto da un participio del fantomatico verbo.
Infarinato ha scritto:Ma forse dovremmo attendere il parere di qualche fisico in ascolto…
Chissà se Nostra Signora dei Calanchi ci verrà in soccorso...
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 451
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Intervento di marcocurreli » mer, 18 lug 2018 23:03

irruvidire?

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 19 lug 2018 23:33

Qui per qualcosa che non scorre bene si dice frega: l’uscio frega a i’ pavimento.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » ven, 20 lug 2018 18:27

Carnby ha scritto:Qui per qualcosa che non scorre bene si dice frega: l’uscio frega a i’ pavimento.
Anche da me, fretà. Ma ovviamente si tratta di dialetto, frettare in italiano significa "pulire il ponte della nave con il frettazzo".
Largu de farina e strentu de brenu.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » ven, 20 lug 2018 18:44

marcocurreli ha scritto:irruvidire?
Gioca un po' di sponda, però forse, in certi contesti, potrebbe funzionare. Lo sottopongo a chi sollevò la questione e sento cosa mi dice.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

valerio_vanni
Interventi: 915
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » sab, 21 lug 2018 14:54

marcocurreli ha scritto:irruvidire?
A me sembra che ci sia una differenza.

Irruvidire significa alterare le superfici in maniera più o meno permanente, l'aumento di attrito può essere ottenuto anche con una sostanza rimovibile.

PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine » dom, 22 lug 2018 0:05

Sul modello di lubrificare si potrebbe coniare attrificare.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » dom, 22 lug 2018 17:32

valerio_vanni ha scritto:Irruvidire significa alterare le superfici in maniera più o meno permanente
Forse è come dice Lei, ma in questa definizione non si parla del carattere permanente o temporaneo dell'alterazione.
PersOnLine ha scritto:Sul modello di lubrificare si potrebbe coniare attrificare.
Non mi pare un modello raccomandabile. Il suffisso -ficare si usa per creare verbi partendo da un sostantivo (esemplificare) o da un aggettivo (bonificare). Lubrificare (come elettrificare) è un calco dal francese.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
GFR
Interventi: 299
Iscritto in data: ven, 10 ott 2014 21:39

Re: Un verbo per dire «generare attrito»

Intervento di GFR » dom, 12 ago 2018 20:57

Animo Grato ha scritto:Apro il filone qui, poi eventualmente qualche amministratore provvederà a spostarlo.
Mi è stata posta la domanda che potete facilmente intuire dall'oggetto, e che rigiro a voi: c'è in italiano un verbo che significhi «generare attrito», «aumentare l'attrito» e simili? Parlo di attrito in senso squisitamente meccanico, non metaforico. Come definire l'effetto di una sostanza come la pece, che si usa ad esempio per aumentare l'attrito tra i crini dell'archetto e le corde del violino?
Resistere. La pece resiste allo scorrimento delle corde del violino.
La poesia è sfuggente al comando/ma so che esiste in ciò che mi circonda/timida basta la cresta di un'onda/per dir che l'attimo si sta annunciando/ A volte il lago mi si apre allorquando/nei suoni colgo il suo canto alla sponda/

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti