Proposta di linee-guida per la discussione sui forestierismi

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » lun, 11 lug 2005 18:33

Marco1971, ho visto il suo messaggio dopo aver inviato il mio.

Concordo con lei, «diffusione» è un validissimo traducente.

ignorante1
Interventi: 16
Iscritto in data: mer, 22 giu 2005 13:41

Intervento di ignorante1 » mar, 12 lug 2005 9:40

Marco1971 ha scritto: Non potrebbe andar bene diffusione/propagazione/divulgazione/trasmissione/espansione?
Forse sì, però "deployment" descrive tutta le operazioni necessarie a rendere l'applicazione disponibile in Rete ad eventuali utenti che vorrano usarla. La diffusione/propagazione/divulgazione/trasmissione penso che tecnicamente avvenga nel momento in cui l'utente clicca (si può dire?) sul cololegamento e usa l'applicazione.
Ho chiesto a un collega spagnolo e mi ha detto che loro traducono "deploy" con "desplegar". "Dispiegare" sarebbe poco adatto?

Avatara utente
giulia tonelli
Interventi: 370
Iscritto in data: mar, 12 lug 2005 10:51
Località: Stoccolma

Intervento di giulia tonelli » mar, 12 lug 2005 11:57

Un paio di commenti sui termini informatici.

Per deployment noi in azienda diciamo comunemente distribuzione, ma forse ciò è dovuto alla particolare natura del nostro software, che non viene veramente deployed su una rete, ma viene distribuito ai clienti che poi se lo installano (o lo facciamo noi). Quando i clienti lo deployano (perdonatemi) noi diciamo semplicemente installare.

Il termine core ha un significato particolare: quando un'applicazione su Unix schianta, spesso genera un file (e qui archivio non ci sta proprio) che si chiama core dump, esaminando il quale si può sperare di capire qualcosa sul perché l'applicazione è schiantata. I miei colleghi, provocandomi spasmi, in genere dicono "l'applicazione ha corato". In ogni caso il nome core, o core dump, che indica il file in oggetto, in questo caso non si può tradurre con nucleo. L'unica altra parola che indica una cosa del genere è inglese anch'essa, ed è log, altro termine che non saprei proprio come tradurre.

Mi sembra, comunque, che il punto di questa discussione non sia sostituire i termini molto tecnici, usati solo dagli addetti ai lavori, bensì cercare di sostituire i termini entrati nella lingua standard (file, software, hardware, ecc.). Forse non vale la pena di concentrarsi sui termini troppo specialistici.

ignorante1
Interventi: 16
Iscritto in data: mer, 22 giu 2005 13:41

Intervento di ignorante1 » mar, 12 lug 2005 12:43

giulia tonelli ha scritto: Un paio di commenti sui termini informatici.

L'unica altra parola che indica una cosa del genere è inglese anch'essa, ed è log, altro termine che non saprei proprio come tradurre.
Mi sembra che qualcuno in precedenza abbia proposto "registro". Personalmente mi piace. In effetti che cos'è il "log" se ´non un registro delle operazioni compiute da un'applicazione?
giulia tonelli ha scritto: Mi sembra, comunque, che il punto di questa discussione non sia sostituire i termini molto tecnici, usati solo dagli addetti ai lavori, bensì cercare di sostituire i termini entrati nella lingua standard (file, software, hardware, ecc.). Forse non vale la pena di concentrarsi sui termini troppo specialistici.
Io vorrei evitare di tenere un corso usando un linguaggio farcito di "deployare", "customizzare" e amenità varie. Pensavo che qui qualcuno mi potesse aiutare.

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » mar, 12 lug 2005 13:48

Oltre ai citati "distribuzione" e "diffusione" si potrebbe parlare anche di "lancio" (se ho capito bene il contesto del suo caso).

Anche "deployment" in inglese è un termine generico che a seconda degli ambiti assume connotazioni diverse se si tratta di prodotti commerciali, installazioni di applicazioni e sistemi operativi o se si parla di operazioni militari.

Personalmente opterei per "distribuzione" o "diffusione" se, ripeto, ho capito bene il suo contensto.

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » mar, 12 lug 2005 14:22

ignorante1 ha scritto: La diffusione/propagazione/divulgazione/trasmissione penso che tecnicamente avvenga nel momento in cui l'utente clicca (si può dire?) sul cololegamento e usa l'applicazione.
Quella secondo me è la "fase di attivazione".
ignorante1 ha scritto: Ho chiesto a un collega spagnolo e mi ha detto che loro traducono "deploy" con "desplegar". "Dispiegare" sarebbe poco adatto?
Secondo me anche "dispiegare" andrebbe bene.

Avatara utente
giulia tonelli
Interventi: 370
Iscritto in data: mar, 12 lug 2005 10:51
Località: Stoccolma

Intervento di giulia tonelli » mar, 12 lug 2005 14:43

ignorante1, mi sembra il suo sia un intento lodevole e degno di sostegno. Tuttavia, penso che certe parole specialistiche siano ormai impossibili da soppiantare, e che log sia una di queste. Se dicessi a un cliente "mi mandi il registro di oggi" penso non capirebbe di cosa diamine sto parlando, anche perché, per ovvie ragioni di uniformità, i file in oggetto si chiamano log, e stanno in una cartella chiamata LOGS.

Anch'io detesto customizzare, anche perché completamente inutile: personalizzare serve ottimamente allo scopo.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3623
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

«Deployment»

Intervento di Infarinato » mar, 12 lug 2005 14:51

Personalmente, trovo che distribuzione sia il traducente migliore, in quanto «non marcato».

Come ben rilevato da Giulia e Fabbe, talora deployment è semplicemente un modo altisonante/pseudotecnico per alludere a i[n]stallazione o lancio, e allora si farebbe bene a usare uno di questi (anche in inglese: installation o launch).

[Di]spiegamento mi sa un po’ troppo di militaresco (il che non sorprende visto che, almeno originariamente, questo è l’àmbito anche dell’inglese deployment), e l’userei solo qualora fossi realmente obbligato a discriminare fra distribution e deployment.


Fuori tema…
Immagine
Giulia, ma lo sa che Lei è esattamente come me l’ero immaginata? :D

Avatara utente
giulia tonelli
Interventi: 370
Iscritto in data: mar, 12 lug 2005 10:51
Località: Stoccolma

Intervento di giulia tonelli » mar, 12 lug 2005 15:18

hahahahaha lo prenderò come un complimento :D

Avatara utente
miku
Interventi: 133
Iscritto in data: lun, 21 feb 2005 18:33
Info contatto:

Intervento di miku » mar, 12 lug 2005 16:38


amicus_eius
Interventi: 131
Iscritto in data: ven, 10 giu 2005 11:33

Intervento di amicus_eius » mar, 12 lug 2005 17:20

Bellissimo avatara :lol: !

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » mar, 12 lug 2005 17:52

Penso che discuteremo dei vari termini (più o meno informatici) analizzando le liste di parole inglesi organizzate per lettera.

Se ho ben capito siamo arrivati alla H grazie al lavoro di alcuni del forum.

Avevo pensato di aprire una nuova discussione riguardo i termini usati nei progetti di sviluppo in informatica ma credo sia meglio aspettare l'esito delle analisi delle parole inglesi per lettera proposta in questa discussione che sicuramente chiarificherà alcuni punti.

Avatara utente
giulia tonelli
Interventi: 370
Iscritto in data: mar, 12 lug 2005 10:51
Località: Stoccolma

Intervento di giulia tonelli » mer, 13 lug 2005 12:23

Alcuni commenti sui termini proposti.

Nella C c'è check-in (nome, tradotto correttamente con accettazione), ma non c'è check-out, che presenta più gravi problemi, secondo me. Come si dice ho fatto il check-out (dall'albergo)?

Nella F per facility management si è proposto gestione facilitazioni, che secondo me non è corretto, essenzialmente perché in genere si usa in un contesto in cui facility non vuol dire facilitazione, bensì impianto, struttura, attrezzatura. Io lo sento usare, per esempio, nella seguente situazione: una banca ha bisogno di un certo sistema informatico per fare una certa cosa, e invece di comprare software e hardware e poi gestire il sistema all'interno, assolda una società che si mette le macchine e il software in casa propria (fuori dalla banca), e la banca vi accede dall'esterno, pagando ovviamente. In questo caso si dice che la banca ha acquistato il sistema in facility management. Io tradurrei gestione esterna.

Per quanto riguarda firewall, mi sembra tra un messaggio e l'altro si sia già detto, ma comunque firewall non vuol dire muro di fuoco. Vuol dire muro tagliafuoco, cioè muro a prova di fuoco.

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » mer, 13 lug 2005 12:40

Forse (e sottolineo forse) si potrebbe tradurre

"ho fatto il check out dall'albergo"

con

"ho registrato l'uscita dall'albergo".

ignorante1
Interventi: 16
Iscritto in data: mer, 22 giu 2005 13:41

Intervento di ignorante1 » mer, 13 lug 2005 13:55

giulia tonelli ha scritto: Nella F per facility management si è proposto gestione facilitazioni, che secondo me non è corretto, essenzialmente perché in genere si usa in un contesto in cui facility non vuol dire facilitazione, bensì impianto, struttura, attrezzatura. Io lo sento usare, per esempio, nella seguente situazione: una banca ha bisogno di un certo sistema informatico per fare una certa cosa, e invece di comprare software e hardware e poi gestire il sistema all'interno, assolda una società che si mette le macchine e il software in casa propria (fuori dalla banca), e la banca vi accede dall'esterno, pagando ovviamente. In questo caso si dice che la banca ha acquistato il sistema in facility management. Io tradurrei gestione esterna.
Nella mia azienda il "facility manager" è la persona che gestisce tutto quello che riguarda gli aspetti logistici quali la posta interna, la ditta delle pulizie, i rapporti con gli affituari dei nostri edifici e così via.
La mia azienda è americana, ha sede in Germania e ha l'Inglese come lingua ufficiale.

Ho trovato questa definizione:

a (1) : something that makes an action, operation, or course of conduct easier -- usually used in plural <facilities for study> (2) : LAVATORY 2 -- often used in plural b : something (as a hospital) that is built, installed, or established to serve a particular purpose

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti