È con gioia che...

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

È con gioia che...

Intervento di Fausto Raso » mar, 16 gen 2007 1:33

"È con gioia che…" Nella maggior parte dei casi tutti i periodi che cominciano con una forma impersonale - secondo me - sono impropri e non si debbono adoperare in buona lingua italiana. Non si dica e non si scriva , per esempio, “è stato per te che l’ho fatto” ma “l’ho fatto per te”. Oltre tutto non è più facile e… “orecchiabile” la forma corretta? :roll:
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 15:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 » mar, 16 gen 2007 11:04

Anche in questo caso si tratta semplicemente di costrutti marcati, previsti dalle grammatiche, e non di costrutti scorretti.
Si possono quindi tranquillamente adoperare (con moderazione, trattandosi di costrutti marcati) nella lingua scritta e, soprattutto, in quella parlata o in quella scritta che imiti il parlato.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » mar, 16 gen 2007 16:00

Non ho parlato di costrutti "scorretti", ma IMPROPRI e credo ci sia una notevole differenza. Non crede, cortese bubu7? :o
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 15:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 » mar, 16 gen 2007 16:40

No, non lo credo, gentilissimo Fausto.
Dove sarebbe tutta questa differenza tra improprio e scorretto, nel contesto in cui ha usato il termine? Me lo spieghi per favore.

Lei dice: “… sono impropri e non si debbono adoperare in buona lingua italiana”.
Poi dice: “Non si dica e non si scriva…”.
E infine: “…non è più facile… la forma corretta?”.

Io le ho risposto che tali costrutti si possono adoperare in buona lingua italiana, che quindi si può dire e scrivere… e che le forme marcate sono altrettanto corrette anzi, in determinati contesti, anche più corrette di quelle normali. :)
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » mar, 16 gen 2007 17:36

Spero di spiegarmi. Ho usato il termine improprio perché, generalmente, una frase deve cominciare con un soggetto (anche sottinteso), un verbo e un eventuale complemento. È con gioia che... è un costrutto improprio, dunque, non scorretto. Ho scritto si dica e si scriva sottintendendo se si vuole scrivere e parlare propriamente (non scorrettamente). Infine ho messo corretta (in corsivo) per sottolinearne, appunto, l'improprietà, non la scorrettezza. :wink:
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3621
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mar, 16 gen 2007 17:55

Fausto Raso ha scritto:Ho usato il termine improprio
Ma non è nemmeno «improprio», caro Fausto: semmai, «[talora] inopportuno», ovvero «[spesso] innecessariamente enfatico», etc. ;)

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Google [Bot] e 1 ospite